mercoledì, 12 dicembre 2018

In merito alle recenti dichiarazione dei commissari del Comune di Vittoria sul mercato ortofrutticolo è intervenuto il rappresentante cittadino di FdI Alfredo Vinciguerra. “Abbiamo letto gli articoli di stampa sulla conferenza dei commissari prefettizi e onestamente rimaniamo meravigliati. Sono state fatte affermazioni ingiustificatamente offensive verso il popolo vittoriese, tra l’altro smentite da atti e fatti. Continuano a seguire un canovaccio che non rappresenta la realtà, si continua a descrivere la città come Gomorra sapendo che non è così. La conferenza stampa è stato l’ennesimo episodio di denigrazione e demonizzazione del Mercato ortofrutticolo e quindi della nostra città e del mondo economico tutto. Partiamo dalla nuova commissione che dovrà procedere all’assegnazione dei 74 boxes. Apprendiamo che sarà composta da soggetti esterni e non da dirigenti per evitare condizionamenti. Siamo felici che la Triade segua la linea delle vecchie amministrazioni in merito. Si proprio così perché è quello che abbiamo chiesto dal primo giorno della Giunta Moscato con ben 3 richieste nel 2016 alla Prefettura. Risposta? Il Silenzio! Infatti a seguito delle dimissioni dei membri della commissione di gara che avevano ricevuto le minacce, ci siamo rivolti alla Prefettura di Ragusa per individuare dei nomi di uomini dello Stato che potessero garantire la massima trasparenza nell’espletamento delle procedure. Purtroppo la nostra richiesta, girata dalla Prefettura, al Ministero dell’Interno e a quello dello Sviluppo Economico non ha ottenuto alcuna risposta da Roma, se non uno stomachevole scarico di responsabilità e una chiara volontà di lavarsene le mani. Soltanto il silenzio assordante delle istituzioni che hanno abbandonato Vittoria! Siamo felici che lo Stato abbia riconosciuto il suo errore e adesso corra ai ripari, seppur tardivamente. Anche sull’ANAC nessuna grande novità perché nell’aprile del 2017 la direzione sviluppo economico si era già rivolta all’ente guidato dal dottor Cantone in merito alla procedura di assegnazione dei 6 boxes. Spiace sentire che il Mercato Ortofrutticolo sia l’epicentro della corruttela mondiale omettendo di raccontare una grande attività svolta in soli 24 mesi dall’amministrazione Moscato. Non si parla volutamente dei controlli effettuati né delle richieste della Giunta Moscato al Ministero degli Interni. Dopo l’attentato alla Caair il sindaco chiese al Ministero l’apertura straordinaria di un tavolo nazionale sul fenomeno delle agromafie e il rafforzamento del numero degli uomini delle forze dell’ordine a Vittoria. Risposta? Ancora una volta il silenzio assordante! Inoltre, non facendo menzione delle decine e decine di interdittive chieste e ottenute dalla giunta Moscato, si continua a ripetere che la eventuale presenza fisica di pregiudicati ha alterato la formazione del prezzo e condizionato gli operatori. In quale modo, ce lo vogliono spiegare? La formazione del prezzo è una vicenda complessa. Il prezzo è il risultato della globalizzazione, dall’accordo UE-Marocco, dallo strapotere della GDO, dai costi di produzione, della parcellizzazione dell’offerta, di un’agricoltura diversa dove ogni stato del mondo ormai produce ma non certo dalla presenza di pregiudicati! Se come dicono i commissari e la relazione, tutto è influenzato anche solo dalla presenza fisica dei pregiudicati qualcuno ci potrebbe spiegare allora perché in Spagna il prezzo dell’ortofrutta è identico a quello del MOF di vittoria? Anche in Spagna abbiamo gli stessi pregiudicati vittoriesi? Siamo e saremo sempre dalla parte della legalità. Basti pensare che l’amministrazione Moscato solo nel 2017 ha rivoluzionato il sistema degli accessi, ha rilasciato oltre 4500 carte di mercato dopo l’accreditamento delle aziende, ha richiesto 232 richieste di informative antimafia grazie anche alle quali si è proceduto ad inibire l’ingresso al mercato o a revocarne l’abbonamento a chi era stato colpito da interdittiva (cosa mai avvenuta prima). Per non parlare dei controlli della PM e delle altre attività svolte. Le richieste di informativa ci hanno permesso anche di dire che nessun titolare di concessione per i box è stato colpito da interdittiva e che quindi non meritano di essere trattati come delinquenti. Amministrare una città non è facile, occorre amore, impegno e sacrificio. Non possiamo permettere, però, che vengano offesi la nostra economia e i nostri imprenditori. Legalità deve fare il paio con sviluppo e benessere e far passare il messaggio a tutti i costi che il MOF è mafia e che quindi il nostro è il pomodoro della mafia - oltre ad essere un’assurdità e una falsita’ - è un azione che sta rovinando il nostro territorio e le nostre imprese. Basta con questo copione, si amministri la città senza denigrarla e offenderla."
e-max.it: your social media marketing partner

SEGUICI SU FACEBOOK

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo