sabato, 04 luglio 2020

Radio Sole News

This is a bridge
This bridge is very long
On the road again
This slideshow uses a JQuery script adapted from Pixedelic

 

30 giugno 2020

 

Un ex collaboratore di giustizia, Orazio Sciortino, 51 anni, è stato ucciso con colpi d'arma da fuoco nelle campagne di Vittoria, nel Ragusano. Il cadavere dell'uomo, secondo quanto riporta l’Ansa, è stato trovato per terra, in un terreno di sua proprietà, sulla strada provinciale tra Vittoria e Santa Croce Camerina. Il suo corpo, notato da un passante che ha poi chiamato la Polizia, è stato rinvenuto nel tardo pomeriggio di ieri per terra con, tra l'altro, evidenti segni di violenza sul collo. 

Ad indagare, la Polizia di Stato-Squadra mobile di Ragusa e Commissariato di Vittoria-. Sciortino, affiliato al clan mafioso Carbonaro Dominante, con le sue dichiarazioni aveva contribuito a fare luce sulla strage di San Basilio di Vittoria del 2 gennaio 1999. 

 

AGGIORNAMENTO:

Secondo quanto emerso dalla prima ispezione cadaverica, effettuata dal dottor Giuseppe Algieri, l’uomo sarebbe morto attinto da due colpi di fucile: uno al collo ed uno alla spalla. Per i precedenti di Sciortino, sono diverse le piste seguite al momento dalla Polizia di Stato. Nei pressi del cadavere è stato rinvenuto un fucile ed altro materiale, al vaglio degli inquirenti. 

L’ultimo arresto di Sciortino risale a febbraio scorso quando, assieme a due complici, era stato beccato dai carabinieri di Scicli a rubare in alcune case di campagna. A marzo dello scorso anno invece era rimasto ferito alla testa, da un colpo di una bottiglia, nel corso di una rissa a casa del fratello. 

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo