giovedì, 22 ottobre 2020

Radio Sole News

This is a bridge
This bridge is very long
On the road again
This slideshow uses a JQuery script adapted from Pixedelic

15 ottobre 2020

 

Un minuto di silenzio in memoria di Alessandro Cannilla e Orazio Tuzzetti, le due vittime che il Covid-19 ha mietuto tra la comunità gelese. Si è concluso così l'incontro che il Sindaco Lucio Greco ha convocato ieri mattina per fare il punto sull'emergenza coronavirus in città, alla luce del nuovo DPCM e dei numerosi casi registrati solo nelle ultime ore dall'ASP. Una situazione critica e pericolosa da tenere costantemente sotto controllo e per affrontare la quale è importante andare oltre gli steccati politici. “Qui c'è in gioco la salute di tutti, - ha detto il Sindaco - non c'è né destra nè sinistra, dobbiamo collaborare e fare in modo che la comunità possa capire il pericolo che sta correndo”. 

Al tavolo tecnico, che diventerà permanente fino alla fine della pandemia, hanno preso parte amministratori, consiglieri comunali e capigruppo sia di maggioranza che di opposizione, ognuno col proprio contribuito di proposte e di idee. Il consigliere Saro Trainito, presidente della Commissione Sanità, si è soffermato sull'esigenza di approvvigionarsi di test rapidi e di affiancare al mattatoio una seconda struttura da adibire a drive in per i tamponi. Nel corso del confronto sono stati evidenziati il poco rispetto delle regole basilari (mascherina, igiene, distanziamento), l'esigenza di regolamentare lo svolgimento del mercato settimanale, l'obbligo per i titolari delle attività di contingentare gli ingressi e di procedare frequentemente alla sanificazione. In extremis, multe salate per i trasgressori. “Sensibilizzazione, prevenzione e repressione: su queste tre linee – ha proseguito Greco - ci muoveremo a partire da oggi. Arriva un nuovo giro di vite, aumentano ancora i controlli ma senza bloccare la città. Le scuole restano aperte, perchè fortunatamente non siamo ancora zona rossa, quindi ci uniformiamo al territorio nazionale e ci affidiamo alle dirigenti, che hanno tutto sotto controllo e sanno cosa fare in caso di emergenza. Mettiamo da parte le critiche, si ai contributi propositivi e alla collaborazione fattiva di tutti. Io sono costantemente in contatto con la Prefettura e non appena sarà rientrato l'allarme al comando di Polizia Municipale tutti gli agenti affiancheranno le forze dell'ordine e l'esercito nel monitoraggio del territorio. La parola d'ordine ora è reinventarsi, soprattutto per quanto riguarda la movida”. 

Il primo cittadino ha poi lanciato un messaggio in vista delle commemorazioni del 2 novembre, anche se a breve saranno emanate delle direttive specifiche per regolamentare gli accessi. “Non create assembramenti nei cimiteri, cerchiamo di fare delle visite intelligenti, nei giorni precedenti o successivi. Mi rivolgo, soprattutto, a chi vi si reca spesso: lasciate che il fine settimana del 2 novembre possa recarsi dai propri cari defunti chi viene da fuori e non può andarci il resto dell'anno”. 

Insomma, il messaggio è chiaro: rispettiamo tutti le prescrizioni governative contenute nell'ultimo DPCM e scarichiamo l'APP Immuni, che aiuta a tracciare i soggetti positivi. Stop ai comportamenti poco prudenti e poco responsabili, come ha rimarcato nel suo intervento anche l'assessore alla Salute, Nadia Gnoffo. “Noi faremo la nostra parte – ha detto - anche in modo drastico, ma il contribuito di voi cittadini è fondamentale per uscirne prima e senza ulteriori, gravi conseguenze”.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo