martedì, 27 ottobre 2020

Radio Sole News

Vittoria in onda su Rai2, l'ira dei vittoriesi per l'immagine data della città
Covid-19 in provincia di Ragusa, i dati aggiornati dell'Asp 7
Vittoria: multe e sequestri ad opera della Polizia Municipale
Commemorazione dei defunti, regole e orari di apertura dei cimiteri di Vittoria e Scoglitti
Nasce davanti al Pronto Soccorso del Guzzardi di Vittoria. Benvenuto al mondo Michele
Covid19, Lorefice (M5S): “La Regione intervenga, i fondi per la Sanità il Governo li ha stanziati. Bisogna intervenire attivando le terapie intensive e sub intensive”

- Anche Catania è coinvolta nell'operazione della polizia e della guardia di finanza che ha portato 15 misure cautelari e due fermi tra la Lombardia e la Sicilia nell'ambito di una indagine contro le attività criminali della famiglia mafiosa etnea dei Laudani.In particolare sono state poste in amministrazione giudiziaria quattro direzioni generali della società di grande distribuzione Lidl, che in Italia ha circa 200 punti vendita. La presunta associazione per delinquere smantellata dalla Dda di Milano avrebbe commesso una pluralità di delitti: fatture per operazioni inesistenti, omessa dichiarazione Iva, omesso versamento Iva, appropriazione indebita, ricettazione, traffico di influenze, intestazione fittizia di beni, corruzione tra privati.

- "L'equipaggio ha trascorso la notte a bordo e sta bene, adesso attende, da quello che gli sarebbe stato fatto capire, che gli venga comunicato l'importo di una multa da pagarsi per il rilasciato". Lo dice Domenico Asaro, uno degli armatori del "Ghibli Primo", il motopesca mazarese sequestrato da miliziani libici "in acque internazionali". "Non ho personalmente parlato con l'equipaggio - aggiunge Asaro - ma le notizie mi sono giunte dai marittimi di un altro peschereccio che si trova in Grecia con i quali gli uomini sono riusciti a mettersi in contatto". E' un uomo provato Domenico Asaro. Sono stati tanti i sequestri subiti negli ultimi 20 anni. "La marineria di Mazara del Vallo - prosegue - negli ultimi decenni ha salvato molte vite umane nel Mediterraneo ma anche pagato in vite umane e soldi i sequestri. Ormai siamo allo stremo".

- Stop agli sbarchi dei migranti per le prossime due settimane. La decisione è legata allo svolgimento delG7 di Taorminail 27 e 28 maggio e prevede ildivieto di attracco nell'Isola delle imbarcazioni che effettuano i soccorsi nel Mediterraneo. L'intento è quello di non sovraccaricare di lavoro le forze di polizia che saranno impegnate a garantire la sicurezza del summit.  Il blocco dovrebbe terminare il 28 maggio. 

- Di nuovo fiamme nel comune di Naso, dove sono andati in fumo circa 10 ettari di macchia mediterranea ed uliveti. A distanza di 48 ore, un nuovo focolaio si è sviluppato in una vallata di Naso confinante con Capo d’Orlando. Ieri pomeriggio il rogo è divampato all’improvviso e ha iniziato a propagarsi riducendo in cenere la vegetazione, alberi di ulivo e colture e lambendo un’abitazione, anche in questo caso si ipotizza la matrice dolosa, come per i precedenti innescatisi dapprima in località Tre Archi, che poi, sospinte dal forte vento di scirocco, hanno rapidamente risalito il costone giungendo sino alla popolosa frazione di Malò, nella quale risiedono circa 400 persone, coinvolgendo anche la località Cagnanò ed altre zone periferiche, tanto da rendere necessaria l’evacuazione dei residenti.

- La polizia di frontiera di Catania ha arrestato un pachistano di 25 anni, arrivato all'aeroporto internazionale Vincenzo Bellini con un volo proveniente da Barcellona, in possesso di un passaporto contraffatto.Personale della squadra frontiera aerea della polizia ha anche denunciato un maliano, arrivato da Malta, perché aveva un permesso di soggiorno rilasciato dalla questura di Crotone verosimilmente contraffatto.

- Oggi pomeriggio al Teatro Politeama di Palermo, avrà luogo la cerimonia per la festa dell’autonomia siciliana che ricorre oggi. Nel corso della cerimonia, aperta ai cittadini, saranno premiati – tra gli altri - con la medaglia d’oro di riconoscimento conferita dal presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta: il presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci per la sua incessante azione di diffusione del protocollo di legalità che restituisce dignità agli agricoltori ed agli allevatori onesti; il vice questore aggiunto Daniele Manganaro che fu tra coloro che riuscirono a proteggere Antoci dall’ ultimo agguato mafioso; l’imprenditrice Elena Ferraro, che ha denunciato le pressioni della famiglia di Matteo Messina Denaro nel territorio di Castelvetrano; Verranno inoltre premiate le eccellenze dei vari settori produttivi (circa 400 aziende, molte della provincia di Ragusa), della Protezione Civile per la loro opera importante a sostegno dei terremotati del centro Italia, della società siciliana e i comuni che si sono distinti per la raccolta differenziata.

- Volontari del Wwf, provenienti, da Licata a Palermo, con guanti e sacchetti, insieme al personale del Parco Archeologico di Segesta, hanno ripulito gli spazi all'ingresso ed intorno al "Tempio Grande". Raccolti plastiche e rifiuti. "Abbiamo dato - affermano Pietro Ciulla e Giuseppe Mazzotta - un segno di presenza concreto al fine di sensibilizzare quanti andranno a visitare il nostro inestimabile patrimonio artistico, culturale, storico e naturalistico, che rappresenta una risorsa fondamentale per la nazione".

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo