giovedì, 29 ottobre 2020

Radio Sole News

Coronavirus: 875 positivi in provincia di Ragusa, 410 solo a Vittoria
Gela: il sindaco Greco firma la chiusura dei cimiteri dal 31 ottobre al 2 novembre
Contrasto al randagismo, firmato protocollo tra Asp di Ragusa e Lav
Ragusa, controllo del Territorio. La Polizia di Stato arresta una persona per evasione dagli arresti domiciliari
In trasferta a Ragusa per perpetrare furti nei cantieri edili, catanese arrestato dalla Polizia di Stato
Progetto "Gela Sicura", il Prefetto garantisce il suo impegno al Ministero degli Interni

- Con un provvedimento firmato dal ministro dell'Interno, Marco Minniti, è stata eseguita un’altra espulsione di un 25enne tunisino, per motivi di sicurezza dello Stato. Il giovane, residente a Scicli, fa sapere il Viminale, è emerso all'attenzione delle forze di polizia nell'ambito dell'attività di ricerca informativa in relazione a due suoi connazionali, già espulsi il 14 aprile scorso, entrambi con decreto del ministro. Il tunisino frequentava la moschea di Donnalucata e sul suo profilo Facebook presentava la sua immagine con la frase "io sto andando, è sicuro che non torno, quindi addio". Aveva, inoltre ripetutamente postato contenuti di propaganda jihadista ed immagini con riferimenti apologetici dello Stato Islamico. Con il rimpatrio di oggi, il 55/o del 2017, sono 187 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi con accompagnamento nel proprio Paese dal 2015.

- Un uomo di 31 anni è arrivato al pronto soccorso dell'ospedale Barone Lombardo di Canicattì con gravi ferite d'arma da fuoco. La sparatoria è avvenuta alla periferia del paese. Il trentunenne è stato colpito alla coscia destra e sotto il costato, quasi all'altezza dell'addome. I medici hanno predisposto un intervento chirurgico d'urgenza; il ferito - già sentito dai militari dell'Arma - avrebbe detto di non ricordare di nulla.Non è chiaro se sia stato raggiunto da colpi di pistola o da una rosata di pallini sparati con un fucile. Verrà sentito nuovamente nelle prossime ore.

- I carabinieri di San Giovanni La Punta hanno arrestato tre ragazzi per la rapina compiuta il 24 febbraio scorso in una gioielleria del parco commerciale I Portali, a Catania. I militari si sono serviti delle registrazioni di numerosi apparati di video sorveglianza, presenti sia all’interno del centro commerciale, per ricostruire il percorso seguito dai rapinatori per darsi alla fuga dopo il colpo effettuato all'ora di pranzo. I tre si sono incontrati lungo una delle vie circostanti, dove li attendeva un’auto con a bordo un complice. L’identificazione della macchina ha permesso di risalire ai banditi: si tratta del 24enne Michelangelo Grasso, di un 26enne e di un 25enne, che sono stati portati nel carcere catanese di Piazza Lanza.

- Un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di quattro indagati per presunte infiltrazioni mafiose del clan Trigila nel settore dei rifiuti è stata eseguita dalla polizia e dalla guardia di finanza di Siracusa. Con l'accusa di tentata estorsione aggravata e danneggiamento, aggravati dal "metodo e dalle modalità mafiose", commessi nei confronti della Roma Costruzioni Srl, società che gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti a Noto, sono stati arrestati Angelo Monaco, 62 anni, storico appartenente al clan Trigila già condannato per associazione di tipo mafioso, indicato come il promotore del tentativo di estorsione, ed esecutore materiale dell'attività ritorsiva di violenza e minaccia. Per fare pressione sull'azienda fu anche incendiato un'autocompattatore della Roma Costruzioni per convincere la società ad assumere due operai.

- Troppe ombre sui conti degli enti pubblici e degli organismi regionali. Il governo Crocetta corre ai ripari, anche alla luce dei richiami della Corte dei Conti, diramando una circolare con la quale chiede a tutti gli enti di fornire le informazioni sulla spesa sostenuta nel 2016 e su quella prevista per il 2017 per verificare se siano stati rispettati i vincoli imposti, dando il termine del 10 luglio per l’invio, in via telematica, dei prospetti. Agli enti la Ragioneria generale ha trasmesso delle schede con richieste specifiche: il rispetto del divieto di assunzioni, l'acquisto di beni e servizi, notizie sui fondi per il trattamento accessorio del personale e dei dirigenti, la riduzione dei contratti di acquisto, le spese per missioni e pubblicazioni, l’uso di autovetture di servizio e rappresentanza, contratti di affitto, consulenze, consumi, spese per relazioni pubbliche e formazione, buoni pasto e compensi agli organismi.

- È di un  morto e un ferito il bilancio dell'incidente autonomo avvenuto nella tarda serata di ieri sull'autostrada Siracusa-Catania, all'altezza di Carlentini. A perdere la vita un uomo di 62 anni che procedeva in direzione Catania alla guida della sua auto. Insieme a lui viaggiava un 42enne che non sarebbe in pericolo di vita ma avrebbe riportato delle ferite. L'impatto è stato fatale per il 62enne di Catania, che sarebbe morto sul colpo: stando alle prime indiscrezioni, la vittima, per cause non ancora chiare, avrebbe perso il controllo del mezzo che è uscito fuori corsia andandosi a schiantare.  Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 che hanno constatato il decesso dell'automobilista e soccorso il 42enne di Giarre, ancora in stato di shock.

- Il gip di Roma ha archiviato, accogliendo la richiesta della Procura, l'inchiesta per falso aperta sull'ex sottosegretario ai Trasporti, la senatrice di Ap Simona Vicari, accusata di aver fatto passare per suo assistente parlamentare il prefetto Ciani nel corso di una visita in carcere all'ex governatore siciliano Totò Cuffaro, in cella per scontare una condanna a 7 anni per favoreggiamento mafioso.Il legale della Vicari ha dimostrato che Ciani, all'epoca delle visite, era distaccato alla segreteria della Presidenza del Senato, svolgendo un ruolo di collaborazione della Vicari. La richiesta di archiviazione è stata presentata anche nei confronti dei politici Antonello Antinoro, Nino Dina, Saverio Romano e Salvo Fleres.

- Un romeno di 44 anni sul quale pendeva un mandato di cattura emesso dalla Procura di Milano per reati in materia di prostituzione è stato arrestato dalla polizia all'aeroporto di Catania, al suo arrivo da un volo proveniente da Londra. Adrian Josif Ianc sperava di superare indenne i controlli della polizia di frontiera, ma è stato identificato dai poliziotti e rinchiuso nel carcere di Piazza Lanza.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo