martedì, 27 ottobre 2020

Radio Sole News

Vittoria in onda su Rai2, l'ira dei vittoriesi per l'immagine data della città
Covid-19 in provincia di Ragusa, i dati aggiornati dell'Asp 7
Vittoria: multe e sequestri ad opera della Polizia Municipale
Commemorazione dei defunti, regole e orari di apertura dei cimiteri di Vittoria e Scoglitti
Nasce davanti al Pronto Soccorso del Guzzardi di Vittoria. Benvenuto al mondo Michele
Covid19, Lorefice (M5S): “La Regione intervenga, i fondi per la Sanità il Governo li ha stanziati. Bisogna intervenire attivando le terapie intensive e sub intensive”

Sono state depositate le sentenze della Corte di appello in merito al risarcimento dei danni riconosciuti ai parenti di alcune vittime della strage di San Basilio a Vittoria, difese dallo studio legale Nicosia sia in sede penale che civile. Le sentenze hanno avuto esito positivo per i parenti che avevano impugnato le sentenze di primo grado perché insufficienti erano i risarcimenti se paragonate alla gravità dei fatti, al gravissimo danno morale esistenziale.

La Corte, accogliendo le richieste di 6 parenti, ha dichiarato l'appello fondato in quanto "occorre tenere conto dell'entità della sofferenza e del turbamento d'animo. Nella specie, è indubbia la particolare efferatezza dell'evento la cui brutalità e ferocia ha certamente inciso sull'animo dei congiunti delle vittime innocenti”.

Uno degli appelli, però, non è stato accolto perché il genitore da risarcire aveva sette figli. L’avv. Nicosia giudica la motivazione quanto meno singolare in quanto vi si legge "la sofferenza sarebbe stata ben più grave e profonda ove si fosse trattato dell'unico figlio". “Argomentazione, questa, veramente singolare. Ecco perché, non si riesce ad essere pienamente soddisfatti di una giustizia che stenta a mostrare un volto più umano” commenta l’avv. Nicosia. 

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo