giovedì, 29 ottobre 2020

Radio Sole News

Coronavirus: 875 positivi in provincia di Ragusa, 410 solo a Vittoria
Gela: il sindaco Greco firma la chiusura dei cimiteri dal 31 ottobre al 2 novembre
Contrasto al randagismo, firmato protocollo tra Asp di Ragusa e Lav
Ragusa, controllo del Territorio. La Polizia di Stato arresta una persona per evasione dagli arresti domiciliari
In trasferta a Ragusa per perpetrare furti nei cantieri edili, catanese arrestato dalla Polizia di Stato
Progetto "Gela Sicura", il Prefetto garantisce il suo impegno al Ministero degli Interni

- Incidente mortale sulla Palermo - Agrigento, tra Villabate e Misilmeri. Un furgone Iveco diretto a Palermo è finito contro il guard-rail. Nell'impatto una persona è deceduta, una seconda è stata trasportata all'ospedale Civico di Palermo in gravissime condizioni. Nello scontro il furgone è andato distrutto e il motore del mezzo è finito sull'asfalto. I rilievi sono eseguiti dai carabinieri. La vittima dell'incidente stradale si chiamava Vincenzo Polizzotto, era originario di Palermo e aveva 51 anni. Secondo una prima ricostruzione l'uomo era a bordo di un furgone che trasportava generi alimentari ed è finito contro il guard-rail. Il passeggero di 63 anni è in codice rosso all'ospedale Civico.

- Continuano gli sbarchi in Sicilia dove oggi è previsto che arrivino, in quattro porti, complessivamente, 2.786 migranti, recuperati in 21 interventi di soccorso. Sul vascello della marina militare irlandese si trovano 712 persone soccorse in sei operazioni di salvataggio nel mare Mediterraneo. A Messina arriva nave Phoenix dell'ong Moas che ha a bordo 423 extracomunitari, recuperati durante tre operazioni di salvataggio. A Palermo sbarcheranno 861 migranti, salvati in otto operazioni di soccorso. A Catania sta per approdare LA nave Diciotti della guardia costiera che ha recuperato 790 persone in quattro soccorsi in mare.

- Picchiava, torturava, stuprava e uccideva i migranti in Libia mentre aspettavano di partire per l’Italia. La polizia ha eseguito un fermo di indiziato di delitto, emesso dalla procura della Repubblica - Dda di Palermo, a carico di un somalo di 23 anni, individuato nell'hotspot di Lampedusa. L'uomo è sospettato di far parte di un'associazione per delinquere, armata, di carattere transnazionale. Il somalo è accusato di tratta e sequestro di persona, violenza sessuale, omicidio aggravato e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti il giovane sarebbe uno dei responsabili di torture e sevizie perpetrati in Libia. Qui i migranti venivano rinchiusi prima di intraprendere la traversata in mare per le coste italiane. A supporto delle indagini ci sono le dichiarazioni di uno dei migranti sbarcati in Italia che è stato vittima delle sevizie. Il 23enne avrebbe torturato e picchiato le sue vittime con tubi di gomma e le avrebbe minacciate con armi da fuoco.

- Problemi per gli automobilisti diretti a Catania.  Da qualche ora infatti centinia  di migranti del Cara di Mineo sono in corteo e stanno bloccando  la strada statale Catania-Gela.Contestano  l’applicazioni di norme di sicurezza all’interno della struttura. Nel corso infatti dell'ultima riunione del comitato per l'ordine e al sicurezza che si è svolto a Catania è stato  disposto un maggiore rispetto delle ‘regole’ nel Cara, come il divieto di cucinare negli alloggi o la vendita di merce nella stessa struttura. L’applicazione delle norme ha provocato la reazione dei migranti del Centro accoglienza richiedenti asilo più grande d’Europa, che al momento ospita oltre tremila persone.

- Un boato proveniente dalla zonaindustriale di Milazzo ha svegliato tutti i residenti intorno a mezzanotte. Un rumore così forte da essere stato avvertito fino a MonforteMarina. E talmente intenso da avere fatto temere il peggio. In un primo momento si era pensato che il boato fosse stato generato all’interno della raffineriadiMilazzo,ma sono stati alcuni operai dell’impianto a smentire. A chiedere di sapere cosa sia successo anche alcune associazioniambientalistedella zona. Alla fine la verità è venuta a galla. Il boato avvertito distintamente dai residenti è stato generato da una valvola di sicurezza dell’impianto A2A di San Filippo del Mela in contrada Archi. Si tratta della struttura dove dovrebbe essere realizzato il termovalorizzatore. L’apertura della valvola di sicurezza è scattata dopo che una delle caldaiedell’impianto è andata in blocco. L'eccessiva pressione è stata smaltita con un'alta colonna di vapore.

- Sono 83 le nuove ambulanze per il 118 siciliano, tutte con apparecchiature elettromedicali di ultima generazione. Si tratta delle ambulanze medicalizzate e sono state comprate dalla Regione grazie ad un leasing finanziario. I mezzi serviranno a rinnovare il parco mezzi della Seus e sono in fase di consegna in tutte le nove province presso le postazioni di soccorso avanzato, cioè quelle che prevedono a bordo oltre agli autisti- soccorritori pure medico ed infermiere. Tra queste, nel territorio ibleo, l’ambulanza destinata al Busacca di Scicli. Sono 27 i mezzi già consegnati mentre nelle prossime settimane saranno coperte le altre richieste arrivate dai territori. Per i comuni iblei sono in lista di attesa Vittoria e Modica, in Sicilia le postazioni di Torregrotta, Scaletta Zanclea, Pedara, San Giovanni La Punta, Garibaldi, Trapani, Mazara, Marsala ed Alcamo.

- Proseguono di altri 6 km i lavori di rifacimento del tappetino e della segnaletica nel tratto in esercizio della Siracusa–Cassibile (direzione per Sr). In corrispondenza del cantiere si circolerà in doppio senso di circolazione nella carreggiata opposta (direzione Rosolini) e limiti di velocità di 60 km/h. La ultimazione degli interventi è programmata entro il 4 agosto in modo che l’intero tracciato in esercizio possa essere consegnato alla viabilità estiva libero da cantieri e deviazioni.

- Ha più volte violato l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e il divieto assoluto di avvicinamento alla ex convivente 40enne, che continuava a subire ancora da parte sua atti persecutori. E' finito così ai domiciliari un uomo di 50 anni, arrestato dai carabinieri, che hanno eseguito un provvedimento cautelare emesso dal Gip del Tribunale di Catania dopo una informativa dei militari dell'Arma. 

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo