mercoledì, 25 novembre 2020

Radio Sole News

Vittoria: giornata contro la violenza sulle donne, il Teatro si tinge di arancione
Un anno di "codice rosso", report della Polizia di Stato ed iniziative della Questura di Ragusa
Covid, si cerca il plasma dei pazienti guariti
 
L'emergenza Covid cambia ancora una volta appuramenti e riti religiosi
Tolomeo lascia il ruolo di coordinatore di "Vittoria Solidale". "Sarò impegnato in altri progetti di solidarietà"
Irene Sallemi, terzo ufficiale di macchina ed orgoglio scoglittiese

- La polizia ha arrestato padre Salvatore Anello, sacerdote noto a Palermo come guaritore ed esorcista. L'accusa è di violenza sessuale. Gli agenti di polizia giudiziaria in servizio alla procura dei minori lo hanno fermato nel convento dei Cappuccini. Il sacerdote, 59 anni, è cappellano all'ospedale Civico. Il prete avrebbe palpeggiato due donne e tre minorenni che si erano rivolte a lui per essere aiutate.Insieme al prete è stato arrestato - sempre con l'accusa di violenza sessuale - un colonnello dell'esercito, Salvatore Muratore, 52 anni, in servizio alla caserma Turba di Palermo. Il militare era uno degli animatori della comunità "Rinnovamento dello spirito santo". Per il pm, l'ufficiale avrebbe approfittato di quattro donne e di una minorenne in stato di fragilità psicologica. E' stata una delle vittime e rivelare tutto. Le violenze sarebbero avvenute nelle abitazioni delle vittime. 

La Procura di Catania ha iscritto nel registro degli indagati 12 medici del reparto di ostetricia e ginecologia dell'ospedale Cannizzaro di Catania per il caso di Valentina Milluzzo. Il reato ipotizzato è omicidio colposo plurimo. Gli indagati sono tutti i medici in servizio nel reparto ad eccezione del primario, Paolo Scollo, e dell'assistente, che erano assenti. Per la Procura di Catania, quello sul medico obiettore "è un falso problema". L'attenzione dei magistrati, secondo quanto si apprende, è concentrata sulla verifica, attraverso la cartella clinica, dei protocolli d'intervento e assistenza prestata alla paziente, oltre che ai controlli ai quali è stata sottoposta durante il ricovero e in particolare durante la crisi che ha preceduto il decesso. 

- E' salva grazia all'intervento dei vigili urbani e dei vigili del fuoco che hanno nuotato fino alla sua auto e sono riusciti a tirare fuori una donna di 28 anni che ieri sera a Palermo, in seguito al nubifragio che si è abbattuto sulla città. L'acqua si alzava e la giovane, rimasta bloccata dentro l'abitacolo, ha vissuto momenti di terrore. Il tempestivo intervento delle pattuglie della polizia municipale e dei vigili del fuoco ha evitato il peggio. Gli agenti si sono letteralmente tuffati in acqua per poter aprire lo sportello e liberare la ragazza. Ieri sera i vigili del fuoco e i vigili urbani hanno soccorso diversi automobilisti rimasti bloccati nelle strade invase dall'acqua piovana.

-  Una bambina di 18 mesi è morta a Mazzarrone dopo essere stata travolta con un'auto dal padre, mentre faceva retromarcia per entrare in garage. La piccola è morta sul colpo con il cranio schiacciato da una ruota della vettura. Il padre, un albanese di 33 anni, è indagato per omicidio colposo. Sul posto sono intervenuti i carabinieri. Secondo una prima ricostruzione de militari, la famiglia era appena rientrata a casa e il padre, alla guida di un'Audi A4, dopo aver fatto scendere dalla vettura la moglie e le figlie, la maggiore, di 4 anni, e la piccola, stava entrando l'auto in garage. A questo punto la piccola sarebbe sfuggita al controllo della madre e si sarebbe spostata verso il garage mentre il padre stava effettuando la manovra. Dopo l'impatto l'uomo, in preda al panico, ha trasportato la figlia nella Guardia Medica nella speranza che fosse ancora viva ma la figlia era già morta.

- Un ingegnere di 37 anni, Antonio Arona, è morto schiacciato dalla sua auto nello scivolo dell'ingresso del condominio in cui abitava, a San Gregorio.L'uomo, superato un primo cancello, aveva lasciata ferma la sua vettura in cima a uno scivolo andando a piedi ad aprire un secondo cancello. All'improvviso l'auto è partita e l'ingegnere è stato travolto e schiacciato contro il secondo cancello.Sembra che l'uomo si sia frapposto tra cancello e vettura nel tentativo vano di bloccarla.

- Società, immobili e automezzi industriali, per un valore di circa 10 milioni di euro, sono stati confiscati all'imprenditore di Alcamo, Giuseppe Montalbano, 47 anni, arrestato nell'ambito dell'operazione "Arca" insieme a una quarantina di indagati, a vario titolo, per associazione mafiosa, omicidio, sequestro di persona, estorsione, riciclaggio di denaro.Gli è stato anche contestato di avere garantito rifugio e assistenza a vari esponenti di Cosa nostra, al tempo latitanti, tra cui il capo mandamento Vincenzo Milazzo. Espiata la condanna, Montalbano è diventato imprenditore edile. Sospetti i flussi finanziari provenienti dalla calcestruzzi "Tre Noci".

- La Polizia ha eseguito cinque ordinanze di custodia cautelare, emesse dal Gip presso il Tribunale di Palermo, nei confronti di un gruppo di pregiudicati accusati, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di rapine.L'indagine, condotta della Squadra Mobile ha ricostruito diversi assalti ai danni di banche e altre, rapine anche particolarmente violente, perpetrate per strada contro turisti e cittadini, tra il novembre e il luglio 2013.In una circostanza i rapinatori, simulando un incidente stradale, bloccarono per strada la vittima e la scaraventarono fuori dall'auto, picchiandola per impadronirsene. In un altro caso una giovane turista venne trascinata con violenza, nel disperato tentativo di trattenere la propria borsa, riportando gravi lesioni.Il luogo di azione principale prescelto dalla banda per riunirsi e poi compiere le rapine era il quartiere di Ballarò.

 - Ascenzio Maesano, il sindaco di Aci Catena fermato il 10 ottobre scorso dalla Dia nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Catania su una presunta tangente da 15mila euro per l'appalto di un servizio al Comune, si è dimesso dall'incarico. "Era una decisione che aveva maturato da tempo - ha spiegato il suo legale - e l'ha formalizzata quando sono andato a trovarlo in carcere. Nel pomeriggio mi sono recato al Comune per fare protocollare le dimissioni".L'avvocato Pennisi, in attesa di una decisione da parte della Procura sulla sua richiesta di interrogare nuovamente Maesano, ha presentato ricorso contro l'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip, dopo il fermo, chiedendone la scarcerazione.Nell'operazione della Dia sono stati fermati, oltre l'ex sindaco, anche l'ex consigliere di maggioranza Orazio Barbagallo e l'imprenditore Giovanni Cerami, poi posto ai domiciliari, che avrebbe consegnato la tangente per l'aggiudicazione alla sua azienda del progetto esecutivo 'Home Care' finanziato dall'Unione

- L'addio di Ryanair all’aeroporto di Trapani Birgi si avvicina e già non è più possibile prenotare i biglietti da e per lo scalo a partire dal 26 marzo, mese nel quale scadrà il contratto con la compagnia irlandese. «Se non si trovano soluzioni, e in tempi brevi, le conseguenze saranno irreparabili per l' economia turistica della città» ha ribadito il consigliere comunale Mimmo Fazio nel corso dell' ultima seduta dell' assemblea di Palazzo Cavarretta, durante la quale è stato affrontato il tema legato al futuro dello scalo. «Mi rivolgo a quanti hanno a cuore la permanenza di Ryanair e la piena operatività dell' aeroporto - afferma Fazio -: si facciano avanti. Invito la deputazione regionale e tutti gli altri sindaci ad attivarsi tempestivamente perché si pervenga alla contrattazione con Ryanair».

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo