venerdì, 25 settembre 2020

Radio Sole News

Lite con accoltellamento a Vittoria davanti ad una scuola pubblica
Certificati medici per false invalidità, condannato medico legale che era consulente di fiducia della Procura iblea e del Tribunale di Ragusa
Marsala, bidello arrestato dai Carabinieri per abusi sessuali su una minorenne
 
99 i positivi in provincia di Ragusa, fra loro una neo-mamma. Negativo il neonato
 
Lotta al cyberbullismo e dipendenza da internet: la terza panchina gialla sarà posta a Terrasini
Assenza: “Ecco una epidemia… virtuosa”  
Coronavirus: Asp Ragusa, distribuiti 4500 test rapidi nasofaringei
Nuovo sfratto oggi a Vittoria. Questa volta si tratta della famiglia Trigona-Genovese che, intorno alle 5.30 di stamani, è stata costretta a uscire di casa per non farvi più rientro. A denunciare l'episodio il movimento Riscatto che parla di uno sfratto eseguito con una modalità "scandalosa". "Questa mattina- dichiara Maurizio Ciaculli, presidente di Riscatto- le forze dell'ordine hanno atteso che il capofamiglia uscisse di casa, lo hanno privato delle chiavi di casa e del cellulare e poi lo hanno condotto al Commissariato di Vittoria. Successivamente, sono tornate nell'abitazione per far uscire la moglie ed i figli, senza la possibilità di portare nulla con sé. La famiglia è stata trasferita in un appartamento di via Roma messo a disposizione dal Comune, ma privo di qualunque cosa. Abbiamo chiesto l'autorizzazione a rientrare nella loro casa almeno per andare a prendere le loro cose, i vestiti e gli oggetti personali, ma ci è stato negato dal delegato alla vendita". I movimenti Riscatto e No Aste hanno seguito anche nei mesi scorsi le vicissitudini della famiglia in questione. Il precedente sfratto era infatti previsto per novembre, ma era stato rinviato. L'immobile di via Magnani, del valore iniziale di 200 mila euro, è stato venduto per appena 38 mila euro lo scorso ottobre. Sia la famiglia che le associazioni interessate hanno chiesto di attendere l'udienza fissata per il 22 febbraio prossimo prima di procedere allo sfratto, dato che la stessa udienza potrebbe stabilire che la famiglia resti in quell'immobile. Evidentemente, però, non è bastato. Alla luce dello sfratto di stamani, Riscatto e No Aste hanno deciso di occupare simbolicamente il Municipio di Vittoria a partire da oggi pomeriggio. Una occupazione pacifica, ma che punta ad attirare l'attenzione del mondo politico e delle associazioni.Venerdì, poi, una manifestazione di protesta davanti al Tribunale di Ragusa. Rinviato, invece, almeno per il momento, lo sfratto di un'altra famiglia comisana previsto nella stessa città casmenea per questa mattina.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo