giovedì, 24 settembre 2020

Radio Sole News

Area cargo aeroporto di Comiso, pubblicato avviso per la ricerca di operatori economici interessati
Vittoria: Piazza del Popolo, giro di vite della Polizia Locale
Coronavirus in Sicilia, +108 nuovi casi
 
Chef ragusana muore in ospedale, aperta un'inchiesta
Importanti novità per l'ospedale di Gela, sopralluogo del Sindaco e dell'Assessore alla Salute
Situazione Coronavirus a Gela, il punto del sindaco Greco

Quattro condanne ed una assoluzione per non avere commesso il fatto: è la sentenza del processo scaturito dal blitz antidroga tra i bagnanti di Punta Braccetto che portò all´arresto, il 29 agosto del 2015, di cinque tunisini. Il giudice, Filippo Morello, ha assolto solo Mohsen Ziroud, 43 anni, difeso dall´avvocato Franco Rovetto, per non avere commesso il fatto. Gli altri 4 imputati, di età compresa tra i 32 ed i 45 anni, sono stati condannati a pene che vanno da 2 anni ed 8 mesi a soli 8 mesi. La pubblica accusa, sostenuta dal vice procuratore onorario Concetta Vindigni, aveva chiesto la condanna per tutti gli imputati a un anno e sei mesi di reclusione.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo