mercoledì, 25 novembre 2020

Radio Sole News

Vittoria: giornata contro la violenza sulle donne, il Teatro si tinge di arancione
Un anno di "codice rosso", report della Polizia di Stato ed iniziative della Questura di Ragusa
Covid, si cerca il plasma dei pazienti guariti
 
L'emergenza Covid cambia ancora una volta appuramenti e riti religiosi
Tolomeo lascia il ruolo di coordinatore di "Vittoria Solidale". "Sarò impegnato in altri progetti di solidarietà"
Irene Sallemi, terzo ufficiale di macchina ed orgoglio scoglittiese
Venerdì 16 novembre, gli alunni delle classi prima e terza del corso E dell’Istituto Comprensivo "F. Traina" di Vittoria, accompagnati dalle docenti Brugoletta e Palma, hanno partecipato ad una visita didattica presso l'azienda agricola COS. Un percorso emozionale che ha portato gli studenti nella profondità della cultura e della storia del vino, attraverso i misteri e i miti del frutto di Bacco. Gli alunni, immersi nel verde e a contatto con la natura, nonostante la pioggia, hanno scoperto le caratteristiche dei vigneti, delle diverse tipologie di uva, degli attrezzi per la loro coltivazione e raccolta, nonché hanno assistito alla fase finale dell’imbottigliamento. Magico e surreale il viaggio attraverso il tempo all’interno del museo attiguo alle cantine: anche in questo caso, l’esperienza non è stata una semplice e arida comunicazione di informazioni, ma un’azione di sensibilizzazione degli alunni con l’obiettivo di renderli consapevoli di cosa significhi portare avanti una attività produttiva, nel tempo, così che un giorno possano essere loro stessi vivaci promotori delle nostre attività e dei nostri prodotti sul territorio. Tale uscita didattica, inserita, per gli alunni di prima, all’interno del compito di realtà da svolgere durante l’anno scolastico, ha aperto a tutti loro una finestra sul tempo sconosciuta e fatto conoscere una storia contadina lunga più di un secolo. La giornata si è conclusa con la visita presso la Basilica di San Giovanni Battista, dove gli alunni sono stati accolti dall’arciprete don Salvatore Converso e dal direttore del Museo diocesano d’arte sacra, Luciano D’Amico. Lì i ragazzi hanno avuto la possibilità di osservare lo stemma di Vittoria con l’aquila e i grappoli d’uva e il pavimento dell’altare maggiore, dono dei viticultori vittoriesi, i quali ricevettero nel 1801 la grazia dal santo Patrono, San Giovanni Battista, di veder rifiorire le loro viti, in seguito alla fillossera della vite che nel 1798 mise in ginocchio intere famiglie di viticultori vittoriesi.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo