giovedì, 03 dicembre 2020

Radio Sole News

I Vigili del Fuoco celebrano Santa Barbara anche in provincia di Ragusa
"Il cuore ci fa dire", la replica in onda domenica 6 dicembre
Servizio di Senologia attivo all'Asp 7, nonostante il Covid
Assenza deposita un proposta di legge per la mobilità elettrica nell'Isola: agevolazione all'acquisto, ricariche veloci e su tutto il territorio, bollo gratuito
Il Libero Consorzio Comunale di Ragusa non dimentica Gianni Molé. Diverse le iniziative in programma
 
Vigilanza stradale, i numeri della Polizia Stradale di Ragusa e Vittoria relativi al mese di novembre
Un tunisino è stato rimpatriato due giorni prima dell'udienza conclusasi con un provvedimento a lui favorevole. Lo dice il suo legale Giuseppe Novara. Ben Salem Sofiem, 30 anni, era in Italia da diversi anni, in possesso di passaporto, codice fiscale e con rapporto di lavoro subordinato. Nelle scorse settimane, era andato al commissariato di Vittoria per i rilievi dattiloscopici necessari al rinnovo del permesso di soggiorno, ma è stato fermato e successivamente trasferito all'ex Cie di Trapani con una richiesta di trattenimento avanzata dal questore di Ragusa, perché al migrante era scaduto il permesso di soggiorno da mesi. Il trattenimento è stato convalidato dal giudice di pace di Trapani il 4 ottobre, ma Ben Salem Sofiem ha proposto istanza di riesame accolta dal giudice di pace al termine dell'udienza del 12 novembre. Quando il suo difensore, avvocato Giuseppe Novara, si è recato all'ex Cie per comunicare al proprio assistito l'esito del ricorso ha scoperto, "con grande sorpresa", che il suo assistito era già stato rimpatriato coattivamente il 10 novembre cioè due giorni prima dell'udienza svoltasi il 12 novembre.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo