giovedì, 22 aprile 2021

Radio Sole News

Vaccini, torna il fine settimana aperto a tutti. Questa volta si parte da giovedì
Apre l'hub di Modica, domani inizia la vaccinazione
Comiso, c'è chi chiede la "zona rossa", ma il sindaco frena
Ritirato dal comune di Comiso l’olio donato dall'ex azienda Foreste Demaniali della Regione Siciliana
Nuova postazione per i test rapidi a Ragusa
Trionfo dell'atleta vittoriese Pirrè-La Terra al giro ciclistico delle Madonie
Cominciano i controlli a tappeto su tutto il territorio di Comiso, a tutela dell’80% di cittadini virtuosi che fanno bene la raccolta differenziata. “ I primi dati che ci arrivano a distanza di un mese dall’inizio della differenziata- ha detto il sindaco Maria Rita Schembari- indicano percentuali che ci attestano come uno tra i comuni più virtuosi della Sicilia. Il differenziato è arrivato a circa il 63% con una percentuale, come già detto, dell’80% di nuclei familiari che operano bene e secondo le regole. I dati più specifici – spiega il sindaco Maria Rita Schembari – in relazione a quelli passati, saranno resi pubblici tra qualche giorno. Tuttavia, c’è ancora un target che si aggira intorno al 20% , che sembra essere recalcitrante. Abbiamo messo in campo un battage informativo che ha raggiunto tutte le utenze che abbiamo informato attraverso svariate azioni, misure e incontri, attraverso comunicati stampa pubblicati su tutte le testate giornalistiche, avvisi quotidiani su cosa e come differenziare e conferire, abbiamo prorogato di un mese i termini per il ritiro dei mastelli e non abbiamo tenuto conto di tutte quelle utenze che non erano in regola con i pagamenti TARI, pur di dare a tutti la possibilità di adeguarsi al nuovo sistema di raccolta. Adesso, per una questione di rispetto e di tutela di quella grossa fetta di utenza che ha voluto regolarizzare la propria posizione, che effettua bene la differenziata e che ha recepito la necessità di adeguarsi alla salvaguardia del territorio e per avere dei benefici in bolletta, non siamo più disponibili a tollerare alcuna inadempienza. Ma anche questo, tuttavia, era stato anticipato con una mia ordinanza, la 19/2019, dove è ben evidenziato quali siano le sanzioni per i trasgressori. Alla luce quindi di tutto ciò, - continua il Sindaco- si è deciso di cominciare a eseguire controlli a tappeto su tutto il territorio. Il primo quartiere che è stato controllato, ha messo in evidenza circa 60 violazioni. Abbiamo preso questa decisione a malincuore – ancora il primo cittadino – poiché differenziare e tenere pulito il proprio paese dovrebbe essere un interesse comune e sentito. Ma evidentemente non è così per una percentuale piccola di cittadini. Ma non lasceremo che questo numero esiguo, comprometta e vanifichi la collaborazione e la buona volontà della maggior parte di comisani che ci chiede e ci segnala, quotidianamente, di adottare delle misure a tutela del buon operato”.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo