martedì, 07 luglio 2020

Radio Sole News

Ocean Viking, Lorefice: “Ministero Salute attento a contenere i rischi per nostra comunità e migranti. No a polemiche sterili, sì alla collaborazione”
Comiso: intervento del Sindaco sulla fuga di migranti dal Centro Don Pietro
Covid-19, contagi di ritorno e migranti. Lettera aperta del direttore generale dell'Asp, Angelo Aliquò
Fuga di migranti da centri accoglienza ed hotspot, si temono contagi
Feriti un poliziotto ed un finanziere
Vittoria: giovane trovato morto in casa da alcuni amici
  06 luglio 2020   Un giovane di 36 anni di Vittoria è stato trovato morto in casa da alcuni amici con cui doveva trascorrere la serata. E' successo in una casa di via Senia a Vittoria, vicino al cinema Golden. Il ragazzo abitav...
Caltagirone: iniziativa dell’Amministrazione per immettere nell’economia locale oltre 10 milioni di euro
Anticipazione di liquidità per sostenere la ripartenza post Covid delle imprese

Sit-in di protesta ieri anche per i lavoratori della Tekra di Vittoria, scesi in piazza del Popolo contro quello che definiscono il mancato rispetto del contratto dopo il cambio di ditta avvenuto il 20 aprile scorso. A sostegno dei lavoratori i sindacati Cgil, Cisl, Uil, Fiadel ed Ugl. A manifestare, in particolare 12 operai il cui contratto non è stato rinnovato nel passaggio dalla Tech alla Tekra. “Non sappiamo perché- ha dichiarato a La Sicilia uno dei manifestanti- visto che non abbiamo nulla di ufficiale. Sappiamo solo che c’è un decreto che, in presenza dell’attuale pandemia, dice che non si dovrebbe procedere a licenziamenti”. Ufficiosamente, i motivi della mancata assunzione sono di carattere giudiziario, ovvero alcune pendenze del passato relative ad alcuni operai. Già da qualche giorno gli operai hanno dato il via, con il supporto dei sindacati, a diverse forme di protesta. 

“La mancata assunzione di 12 lavoratori, il contratto di assunzione per gli impiegati a 24 ore settimanali, la sicurezza dei lavoratori e l’assenza assoluta di interlocuzione da parte dei commissari del Comune di Vittoria- scrivono i sindacati- sono le ragioni che hanno fatto scattare lo stato di agitazione, nel cantiere di Vittoria, tra gli operatori ecologici dipendenti  della Tekra. Seppure l’azienda abbia interloquito con tutte le organizzazioni sindacali, non si è giunti  ad una totale risoluzione delle problematiche ed essendo, quindi, fondamentale la presenza, ad un tavolo istituzionale, dei Commissari Prefettizi insediati al Comune di Vittoria, si procederà alla protesta, pacifica, in piazza del Popolo”. Altra questione, poi, riguarda il personale dipendente che riveste ruoli amministrativi a cui è stato ridotto l’orario di lavoro da 36 a 24 ore settimanali.

Intanto alcuni operai che non sono stati assunti si sono rivolti ai loro avvocati ed hanno fatto partire il ricorso. 

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo