venerdì, 07 agosto 2020

Radio Sole News

Omicidio Sciortino, importanti passi avanti nelle indagini
 
Avviso importante dall'aeroporto di Comiso ai passeggeri per Bruxelles
Covid-19, le raccomandazioni del Sindaco di Comiso
Modica: intensificati i controlli sull'uso delle mascherine anti-Covid
Covid-19, 47 (in totale) i positivi nel Ragusano
Lettura contatori idrici, attenzione ai presunti truffatori in azione fra Vittoria e Scoglitti

09 giugno 2020

Ha compiuto ieri 93 anni monsignor Giuseppe Calì, per tutti semplicemente "Monsignuri".

Classe 1927, è da considerarsi una vera istituzione per i vittoriesi che lo stimano e lo amano. Ordinato Sacerdote il 29 Giugno del 1953, fu assegnato a Palazzolo Acreide dove rimase per due anni come viceparroco e successivamente a Canicattini Bagni, fino al 1956, anno in cui fece ritorno a Vittoria dopo l’istituzione della Diocesi di Ragusa. Qui fu nominato parroco della neo eretta parrocchia del Santissimo Rosario. Nel 1978 fu chiamato a reggere, da arciprete, la Chiesa Madre di San Giovani Battista fino alla rinuncia per raggiunti limiti di età. È stato anche insegnante di religione al Liceo Classico “Cancellieri” di Vittoria. 

Ancora oggi, da arciprete emerito, lo si trova in Basilica a pregare, davanti la cappella del Santissimo Sacramento, oppure a confessare, a dire il Rosario ed a celebrare Messa. 

“Una vita- si legge nel post scritto sulla pagina Facebook “Basilica San Giovanni Battista Vittoria- spesa a servizio di Dio e del prossimo. Sempre capace, con una battuta, di allietare chi lo incontra lungo il tragitto che lo porta quotidianamente nella sua tanto amata Basilica. Un Uomo, un sacerdote, un punto di riferimento che di certo è e resterà ben impresso nella storia della nostra città”. Foto dalla pagina Fb "Basilica San Giovanni Battista-Vittoria"

 

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo