lunedì, 03 agosto 2020

Radio Sole News

Panchine vandalizzate a Comiso, dichiarazioni del Sindaco
Migranti in fuga e situazione a Pozzallo e Cifali. Video-denuncia dell'assessore regionale Razza
Nuovo primario di Ortopedia per l'ospedale di Vittoria: è Oscar Cammarata
Giorgio Assenza: La seconda panchina gialla contro l'uso patologico di Internet sarà installata in agosto a Punta Secca
Incidente stradale sulla Ragusa-Marina, ferito un ciclista
 
Migranti, il Governo nazionale vuole creare una tendopoli in Sicilia. L'ira di Musumeci

10 giugno 2020

 

L'ha uccisa perché mancavano dal portafoglio 50 euro. Ha confessatoAntonio Zocco, l’82enne  lentinese che ha ucciso con due colpi di pistola la propria convivente 39enne Giuseppina Ponte.  L'anziano è separato, con precedenti di polizia. 

La vittima da qualche giorno era ospite nell’abitazione dell’anziano, che aveva accettato di accoglierla, atteso che la precaria situazione economica della donna non le permetteva di disporre di una stabile dimora. Le investigazioni dei Carabinieri, coordinati dal Pubblico Ministero di turno della Procura della Repubblica di Siracusa, Marco Dragonetti che è intervenuto sul posto unitamente a un medico legale, assumendo la direzione delle indagini, hanno accreditato che, nella mattinata odierna, tra i due sarebbe nata un’accesa discussione per l’ammanco di una banconota da 50 euro. La lite avrebbe assunto in breve toni molto aspri, tanto che la donna si era riparata dietro a una porta per sfuggire a Zocco, che aveva iniziato a minacciarla. Pochi minuti dopo l’uomo avrebbe esploso due colpi di pistola cal. 6,35 che, attraversata la porta, hanno attinto la donna al torace fatalmente.

I Carabinieri hanno proceduto ai rilievi tecnici sul luogo del delitto, repertando l’arma da fuoco, risultata essere clandestina e quindi illegalmente detenuta dall’uomo che, dopo l’interrogatorio nel corso del quale ha confessato l’omicidio, è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto per omicidio. L’arma del delitto, sottoposta a sequestro, sarà inviata al Ris di Messina per gli accertamenti balistici, dattiloscopici e biologicifinalizzati a ricostruirne la provenienza e l’eventuale impiego in altri eventi criminosi. Zocco è stato portato alla Casa Circondariale Cavadonna di Siracusa.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo