giovedì, 29 luglio 2021

Radio Sole News

Comiso: Polizia arresta un albanese che aggredisce agenti e denuncia un comisano per guida in stato di ebbrezza
Scoglitti: accusa un malore mentre è in acqua, muore romeno di 68 anni
Da giovedì ripartiranno i drive-in gratuiti in quasi tutti i comuni della provincia di Ragusa
 
Il caso del neonato Vittorio Fortunato a Ragusa, revocata l'adozione del bimbo
 
Vittoria: cittadini si autotassano per riparare le buche nella Strada Comunale Marangio
Aumento contagi a S. Croce e crescono i ricoveri in tutta la provincia di Ragusa

23 giugno 2020

 

Il deputato regionale Giorgio Assenza ha depositato una proposta di legge per l'istituzione del Garante per le vittime di reato. "Segno di civiltà è senza dubbio l'aver istituito la figura del Garante del detenuto, specialmente in prospettiva di un suo recupero virtuoso alla società ma - rileva Giorgio Assenza - occorre pensare a chi ha subito quella azione violenta o truffatrice per la quale il detenuto è tale: la vittima”.  Per questo, il presidente dei Questori in Ars ha presentato un ddl che stabilisce l'istituzione del Garante regionale per la tutela delle vittime di reato.

“I delitti contro la persona, ancor più che quelli contro il patrimonio - riprende il deputato, avvocato a Comiso - lasciano segni indelebili in chi li ha subiti e, troppo spesso, all'avvenuto si succedono lunghi e dolorosi strascichi fatti di esposizione mediatica, di interminabili tempi della giustizia e, in casi limite ma non troppo infrequenti, perfino di reazioni e intimidazioni malgrado l'efficiente opera delle forze dell'ordine. Creiamo dunque una figura di riferimento - spiega Assenza - che sia titolare di un ufficio dedicato e aperto ai cittadini il quale fornisca assistenza pronta e gratuita a cominciare da tempi e iter della presentazione delle denunce; una struttura in grado di fornire anche sostegno psicologico e sociosanitario in anticipo sui tempi lunghissimi dei tribunali”.

Per maggior chiarezza: il secondo comma dell'articolo 2 del disegno di legge specifica che “si intende per vittima la persona offesa dal reato e, qualora questa sia deceduta, i parenti in primo grado, il coniuge, chi è legato alla persona offesa dal vincolo di adozione e chi, pur non essendo coniuge legale, era con essa stabile convivente”.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo