martedì, 29 settembre 2020

Radio Sole News

Alitalia garantirà la continuità territoriale da Comiso verso Milano e Roma
Gela: atto vandalico ai danni di una suola e del Banco Alimentare
Cordoglio per la morte di Giovanni Cafiso, già Sindaco della città di Vittoria negli anni Settanta
102 nuovi contagi in Sicilia. Continua a salire il numero dei ricoverati
Anche a Ragusa le celebrazioni per la festa di San Michele Arcangelo Patrono della Polizia di Stato
Confcommercio Sicilia: le criticità del Bonus Sicilia al centro di un confronto tra il presidente regionale Manenti e l'assessore alle Attività produttive

25 giugno 2020

 

E’ guarita dal Covid-19 la mamma originaria del Bangladesh arrivata a Palermo, un mese fa, da Londra. Come si ricorderà, Hafiza, questo il suo nome, residente da diversi anni a Palermo, era arrivata in avanzato stato di gravidanza e, dopo avere avvertito i primi sintomi, era stata ricoverata in terapia intensiva all’ospedale Cervello di Palermo. Due settimane fa, a causa di un ulteriore aggravamento delle sue condizioni cliniche, i sanitari avevano deciso di effettuare un taglio cesareo urgente alla trentesima settimana. Era nata così la piccola Raisha, in buone condizioni generali, che adesso si trova ricoverata, nell'ospedale di Taormina per una lieve anomalia congenita cardiaca. Dopo il parto cesareo, Hafiza era stata sedata e posta dai medici in coma farmacologico, poi nei giorni scorsi era stata anche tracheotomizzata. Hafiza, sposata con un connazionale, vive a Palermo con il marito; la donna ha altri due figli che vivono con i nonni in Bangladesh. Adesso, una volta superata la fase più critica, per la paziente comincerà un periodo di riabilitazione.  "La paziente ha avuto un ottimo e sorprendente recupero dopo il parto – ha spiegato all'ANSA Baldo Renda, primario dell’ unità di terapia intensiva e rianimazione - ora respira autonomamente, si alimenta in modo regolare e le funzioni vitali sono nettamente migliorate. Nei prossimi giorni sarà trasferita nel reparto di pneumologia perché ha subito la tracheotomia, pertanto deve completare il percorso di riabilitazione respiratoria previsto in questi casi. Siamo molto ottimisti e ci auguriamo che presto possa riabbracciare la sua piccola Raisha", ha concluso il primario.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo