venerdì, 14 agosto 2020

Radio Sole News

Vittoria, ormai è certo: si vota il 22 e 23 novembre
Elezioni, Vittoria potrebbe essere chiamata al voto il 22 e 23 novembre
Ponte sul fiume Ippari nella s.p. 18 Vittoria-Santa Croce. Aggiudicata la gara per la progettazione
Vittoria calcio, Polizzi e Fernandez alla vicepresidenza
Pesca illegalmente 15 pesce spada, fermato e multato un 51enne vittoriese.
5 positivi di ritorno in provincia di Ragusa, circa 150 persone in quarantena

29 luglio

 

Una quarantina di migranti, a bordo di un natante, sono sbarcati questa mattina intorno alle 9 a Caucana. Non appena hanno toccato terra, i profughi hanno provato a far perdere le loro tracce. Le forze dell’ordine, allertate dai bagnanti, sono riusciti a identificarne alcuni. Si tratta dell’ennesimo sbarco autonomo di questi giorni sulle coste siciliane. Il segretario della Lega, Matteo Salvini, nel frattempo, ha diffuso un video sui social nel quale si vedono chiaramente i momenti concitati dell’approdo. "Immagini incredibili- scrive Salvini sui social- che purtroppo non vedrete in nessun telegiornale". "L'invasione organizzata- ha scritto ancora- continua.Governo dei complici". 

 

Uno dei primi a commentare lo sbarco è  il sindaco di Ragusa, Peppe Cassì: “Ciò che è accaduto stamattina, con lo sbarco di circa 40 migranti, tutti fermati e identificati, direttamente su una spiaggia a pochi km dal nostro territorio, è un fatto grave. Non è ammissibile l’assenza di un controllo capillare delle nostre acque, specie in un momento in cui sono stati riscontrati diversi casi di positività al Covid19 tra persone arrivate sul nostro territorio irregolarmente e quindi al di fuori dai protocolli sanitari. Chiediamo al Governo nazionale di non lasciare i territori da soli di fronte a un fenomeno che non può essere contrastato dai Comuni, a tutela tanto dei cittadini quanto degli stessi migranti”.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo