venerdì, 25 settembre 2020

Radio Sole News

Lite con accoltellamento a Vittoria davanti ad una scuola pubblica
Certificati medici per false invalidità, condannato medico legale che era consulente di fiducia della Procura iblea e del Tribunale di Ragusa
Marsala, bidello arrestato dai Carabinieri per abusi sessuali su una minorenne
 
99 i positivi in provincia di Ragusa, fra loro una neo-mamma. Negativo il neonato
 
Lotta al cyberbullismo e dipendenza da internet: la terza panchina gialla sarà posta a Terrasini
Assenza: “Ecco una epidemia… virtuosa”  
Coronavirus: Asp Ragusa, distribuiti 4500 test rapidi nasofaringei

14 settembre 2020

 

Avviati oggi, a Comiso, due cantieri di lavoro finanziati dalla Regione. Presente, anche il sindaco di Comiso, Maria Rita Schembari.

“ Il Comune di Comiso, - spiega il vice sindaco Roberto Cassibba – ha ricevuto il finanziamento per due cantieri di lavoro dalla Regione – Assessorato alla famiglia/ Dipartimento del lavoro-, il numero 172/RG ed il numero 173/RG. Il primo cantiere il cui finanziamento ammonta a 115 mila euro riguarda la sistemazione e la pavimentazione di alcuni viali nella zona C e D del Cimitero. L’altro cantiere, il cui finanziamento ammonta a 90 mila euro, – dichiara ancora Cassibba – riguarda invece la sistemazione ed il rifacimento dei marciapiedi esterni al Cimitero, utilizzando sempre la pietra come nella loro originaria fattura.   Per ogni cantiere verranno utilizzati quindici operai, quindi in totale trenta unità lavorative inviate dall’ufficio provinciale del lavoro in base a graduatorie esistenti più  quattro tecnici, due direttori dei lavori, due istruttori ed il RUP, dipendente comunale, il geom. Giuseppe Cilìa. Entrambi i cantieri – continua il vice sindaco- sono operativi per sessantotto giorni lavorativi dall’inizio dei lavori".

"È per noi di fondamentale importanza avviare questi cantieri – conclude Cassibba – per due motivi. Il primo che è sotto gli occhi di tutti, è lo stato di abbandono in cui versa da troppo tempo il Cimitero di Comiso luogo di culto che merita il giusto rispetto sia per i nostri cari che vi riposano, sia per i visitatori che chiedono da tempo il dovuto decoro del sito. Il secondo motivo è quello di dare, per quanto possibile, una boccata d’ossigeno a trenta famiglie soprattutto in un momento di grave difficoltà come quello che stiamo vivendo dove, purtroppo, diventa difficile anche trovare un qualunque tipo di lavoro che dia dignità”.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo