giovedì, 04 marzo 2021

Radio Sole News

Asp 7: confermati gli oltre 100 casi di "variante inglese" in provincia di Ragusa
Depurazione: a Scoglitti nuova progettazione su rete fognaria, ora complessivi 44 chilometri
Comiso: rifiuti non conformi se fuori dai mastelli, scatta la "non conformità"
Governo Draghi verso il rinvio di tutte le elezioni, coinvolta anche Vittoria?
Pon Legalità: 7 milioni di finanziamento per 6 comuni iblei
Indagine Mare Jonio, emerge bonifico per trasbordo

30 anni di carcere, ossia il massimo della pena. Tanto ha chiesto l’accusa nei confronti di Veronica Panarello, accusata dell’omicidio del figlio Loris e dell’occultamento del suo cadavere. Stamani l’udienza al tribunale di Ragusa alla presenza della donna, del marito Davide, del suocero Andrea e del padre, che invece l’ha sempre difesa e ritenuta innocente. Mercoledì toccherà alle parti civili e venerdì sarà la volta delle arringhe difensive, prima della decisione del giudice.

E ci sono novità anche relativamente ad un altro omicidio che ha scosso la comunità iblea, e vittoriese nello specifico: quello che ha avuto come vittima l’agricoltore Giuseppe Dezio, 65 anni, ucciso per una lite con i fratelli Pepi e il loro padre per incomprensioni dovute al vicinato nelle loro terre di campagna. Adesso le famiglie di Alessandro, Marco, Antonio e del padre Gaetano hanno protestato al grido di “Giustizia per la famiglia Pepi” per chiedere che i tre figli, assolti dal padre che si è assunto tutte le responsabilità, vengano immediatamente scarcerati anche perché le indagini, e la relazione dei RIS di Messina, pare non abbiano aggiunto elementi che riconducano a loro. I magistrati, finora, non hanno mai creduto pienamente al racconto di Gaetano Pepi e hanno lasciato tutti e 4 dietro le sbarre. I legali hanno presentato ora al GIP di Ragusa per i figli un’istanza di remissione in libertà per l’assoluta mancanza di prove di colpevolezza e per il padre la scarcerazione per le precarie condizioni di salute.

 

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo