sabato, 31 ottobre 2020

Radio Sole News

No alla chiusura generalizzata, questa mattina a Ragusa la protesta promossa da Confcommercio provinciale
Comiso: maggioranza e opposizione unite per sostegno economico emergenza covid
Evade dai domiciliari per ben 5 volte, arrestato dalla Polizia di Stato torna in carcere
Il Covid-19 si porta via il giornalista Gianni Molé
Perseguita la ex moglie e la figlia, Carabinieri e Polizia arrestano 52enne
Continuità territoriale da Comiso rinviata, troppe poche prenotazioni a Causa del Covid

14 ottobre 2020

 

Un articolato sistema di frode fiscale con profilo internazionale, con tre società coinvolte, è stato smascherato dalla Guardia di Finanza del comando provinciale di Catania che ha scoperto fatture su operazioni inesistenti per 750 mila euro, denunciato tre persone per reati tributari e sequestrato oltre 200 mila euro, ritenuto il provento dell'imposta evasa. Al centro delle indagini delle Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria, due società del settore medico, attive nella fornitura di dispositivi chirurgici e apparecchiature elettromedicali ad enti ospedalieri pubblici e privati. In particolare le indagini hanno riguardato tre contratti di assicurazione per copertura del rischio di insolvenza dei crediti che le due società avevano sottoscritto con una compagnia di assicurazione di diritto tedesco, avvalendosi dell'intermediazione di un broker. Secondo l'accusa, quest'ultimo agiva dietro lo schermo di una "società fantasma" e operava come "cartiera", emettendo false fatture per contratti di assicurazione in realtà mai esistiti. E' stata la polizia tedesca a confermare l'inesistenza di qualsivoglia relazione commerciale tra la società tedesca e quelle catanesi. A seguito di questa ricostruzione operata dal Nucleo Pef della Gdf di Catania, sono stati denunciati i legali rappresentanti delle due società mediche per dichiarazione fraudolenta mediante l'uso di fatture per operazioni inesistenti e il broker per emissione di fatture per operazioni inesistenti, finalizzate a consentire alle due società di evadere le imposte. Le indagini, coordinate dalla Procura di Catania, hanno permesso di ricostruire l'emissione di fatture per operazioni inesistenti per 750 mila euro, indebitamente dedotte quali costi fittizi e il Gip ha disposto il sequestro di circa 200 mila euro, ritenuto provento dell'evasione. 

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo