giovedì, 22 ottobre 2020

Radio Sole News

Vittoria: scongiurato (per ora) il rischio di diventare "zona rossa"
Coronavirus: i dati di oggi ed il rischio per Vittoria di diventare "zona rossa". Dichiarazioni del presidente Musumeci
Covid-19 a Comiso, comunicato ufficiale del Sindaco
5 mila uova con data di scadenza falsificate, maxi-sequestro dei Carabinieri nel ragusano
 
Vittoria: madre e figlio accusati di spaccio arrestati dalla Polizia di Stato
Controlli al mercatino di Scoglitti, multati gli irregolari

15 ottobre 2020

 

Alla luce delle disposizioni contenute nel nuovo DPCM del 13 ottobre, che decreta una serie di misure per contenere e contrastare la diffusione del coronavirus, e dei gravi fatti di cronaca della settimana scorsa (la rissa e la sparatoria al GB Oil) il Sindaco Lucio Greco ha emesso una ordinanza sindacale (n.763 del 13 ottobre 2020) destinata alle attività commerciali e ai servizi di ristorazione che operano nel territorio comunale. Ecco cosa si stabilisce: 

- orari di chiusura delle attività di ristorazione: bar, pub, gelaterie, pasticcerie, ristoranti, fast food ed altri esercizi che somministrano bevande ed erogano generi alimentari possono svolgere la propria attività e fare consumare al tavolo fino alle ore 24, fino alle ore 21 in assenza di consumazione al tavolo. Resta sempre garantita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico – sanitarie sia per l'attività di confezionamento che di trasporto, nonché la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze dopo le ore 21. 

- orari di apertura delle attività di ristorazione, bar, pub, gelaterie, pasticcerie, ristoranti, fast food ed altri esercizi che somministrano bevande ed erogano generi alimentari possono iniziare a svolgere la propria attività a partire dalle ore 4.00 del mattino.

- esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti in ospedali e cliniche: possono restare aperti senza alcuna limitazione oraria di apertura e chiusura, con l'obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro. 

- bevande alcoliche e non alcoliche in bottiglie di vetro o lattine: è vietata la somministrazione di bevande in bottiglie e/o bicchiere di vetro ed in lattine (da asporto). Il divieto si estende anche ai distributori automatici di bevande in locali privati accessibili al pubblico o comunque presenti nel territorio comunale. L'esercente che somministra bevande in contenitori di plastica, carta o altro materiale diverso da quelli vietati, ha l'obbligo di procedere all'apertura di tali bevande alla consegna trattenendo i contenitori.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo