sabato, 06 marzo 2021

Radio Sole News

Compie un anno la Breast Unit dell'Asp di Ragusa
Pallamano serie a2/m: la KeyJey Ragusa si lecca le ferite e si prepara al rush finale
La Sicilia resta gialla. Proposta "isole minori covid-free" per rilanciare il turismo
Il giovanissimo Carmelo Burrafato, comisano, nella nuova fiction di rai 1 "Màkari"
Vittoria, all’Istituto Caruano: “Lockdown Day. One Year Later”
Sicilia. Dipasquale: Lagalla trovi fondi specifici per dotare personale scolastico di mascherine FFP2

15 febbraio 2021

 

Un San Valentino molto particolare grazie all’iniziativa “Da Cuore a Cuore” nata in Hospice, all’ospedale Maria Paternò Arezzo di Ragusa, con la collaborazione dell'ufficio diocesano di Pastorale della salute, diretto dal sacerdote Giorgio Occhipinti. Un modo per inviare ad operatori sanitari e ai pazienti dei vari reparti degli ospedali di Ragusa un messaggio augurale di “Rinascita”. E’ quello che hanno fatto ieri nel reparto di Ostetricia e ginecologia dell’ospedale Giovanni Paolo II, alla presenza del primario Giuseppe Bonanno, tra l’altro componente della consulta della Pastorale della salute, lo stesso don Occhipinti e la responsabile dell’Hospice, vicedirettore della Pastorale, Antonella Battaglia.

 

Per gli antichi romani, febbraio era il periodo in cui si usciva dalla stagione invernale e la natura iniziava a risvegliarsi; tra storia e leggenda, il 14 febbraio si celebra quindi una festa dedicata all’amore sotto ogni sua forma, amore romantico, amore cortese, amore filiale.

 

“L'amore è universale – ha spiegato la dottoressa Battaglia – e il messaggio che dall'Hospice vogliamo inviare è un augurio proprio di “Rinascita”, un caldo abbraccio per quanti, e lo siamo tutti in realtà, siano stati privati del calore di un amorevole abbraccio durante questi lunghi mesi di pandemia. Quale migliore occasione se non fare partire questo messaggio da un reparto simbolo come quello in cui si nasce?”. “Che il messaggio – ha aggiunto don Occhipinti – possa trasformarsi in un sostegno per chi soffre, per gli ammalati nei reparti e per gli operatori sanitari che incessantemente si prendono cura di loro. Vogliamo riprenderci quello che la pandemia da Covid-19 ci ha tolto: il contatto ed il calore umano, vogliamo testimoniare come solo attraverso la vicinanza, anche tramite un "biglietto", ci si può sentire tutti più uniti ed aprire le porte alla speranza che tutto ciò che stiamo vivendo cambierà la società in meglio”. A simboleggiare la giornata, la presenza di cuori rossi di carta recanti messaggi speciali e ricchi di significato.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo