giovedì, 22 aprile 2021

Radio Sole News

Scoglitti, fratelli vittoriesi aggrediscono Vigile Urbano che li richiama al rispetto delle regole anti-Covid
Vaccini, torna il fine settimana aperto a tutti. Questa volta si parte da giovedì
Apre l'hub di Modica, domani inizia la vaccinazione
Comiso, c'è chi chiede la "zona rossa", ma il sindaco frena
Ritirato dal comune di Comiso l’olio donato dall'ex azienda Foreste Demaniali della Regione Siciliana
Nuova postazione per i test rapidi a Ragusa

06 aprile 2021

 

Lo scorso 1 aprile, durante i controlli eseguiti in occasione delle partenze dall’aeroporto Pio La Torre di Comiso, gli uomini della Squadra di Polizia di Frontiera del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Comiso hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato nei confronti di un cittadino albanese, di ventinove anni, poiché trovato in possesso di un documento di identità valido per l’espatrio risultato falso.

 

In particolare, nella mattina di giovedì scorso, durante l’imbarco del volo Alitalia per Milano Linate, si è presentato al varco di sicurezza un cittadino straniero in possesso di una carta d’identità greca. Gli Agenti della Polizia di Stato preposti ai controlli hanno notato alcune anomalie nel documento mostrato dallo straniero, che hanno generato il dubbio circa una possibile contraffazione del documento stesso.

 

Per questo hanno deciso di approfondire la verifica che ha permesso di rilevare delle alterazioni nelle tracce antifalsificazione presenti nel documento. Circostanza, questa, sintomatica di una azione di contraffazione del documento originale.

 

Alla luce di ciò sono stati esperiti ulteriori accertamenti che hanno consentito di appurare come quella carta di identità fosse stata denunciata come smarrita appena due giorni prima da parte di un cittadino greco. Di fronte all’evidenza dei fatti l’uomo ha dichiarato  di essere un cittadino albanese ed ha declinato le sue vere generalità. A questo punto è stato arrestato per possesso di documenti di identificazione validi per l’espatrio falsi.

 

All’esito del procedimento, il Pubblico Ministero emetteva il nulla osta all’espulsione del cittadino albanese, e come da direttivo del decreto del Questore di Ragusa, è stato trattenuto in un Centro di permanenza per il successivo rimpatrio.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo