giovedì, 22 aprile 2021

Radio Sole News

Scoglitti, fratelli vittoriesi aggrediscono Vigile Urbano che li richiama al rispetto delle regole anti-Covid
Vaccini, torna il fine settimana aperto a tutti. Questa volta si parte da giovedì
Apre l'hub di Modica, domani inizia la vaccinazione
Comiso, c'è chi chiede la "zona rossa", ma il sindaco frena
Ritirato dal comune di Comiso l’olio donato dall'ex azienda Foreste Demaniali della Regione Siciliana
Nuova postazione per i test rapidi a Ragusa

07 aprile 2021

 

Si è tenuta ieri la prima udienza del processo nei confronti di Veronica Panarello accusata di calunnia dall'ex suocero Andrea Stival, davanti al giudice monocratico del Tribunale di Ragusa Elio Manenti. Panarello sta scontando 30 anni di carcere per l'omicidio del figlio Loris, commesso il 29 novembre 2014 a Santa Croce Camerina.

 

Durante l'udienza, collegata in aula in video conferenza dal carcere di Torino dove si trova attualmente reclusa, la donna ha continuato ad accusare l'ex suocero, risultato estraneo ai fatti dal processo. La donna, rispondendo alle domande del suo legale, Francesco Vilardita, ha confermato che quel giorno l'ex suocero ebbe parte attiva nel delitto. Panarello ha detto che quel giorno l'ex suocero era con lei nell'appartamento "anche se non sono riuscita a provarlo". Poi ha accusato gli inquirenti di avere sottovalutato il fatto che lei stessa aveva citato due persone che avrebbero visto e salutato l'ex suocero in auto dopo che il corpo del piccolo Loris era stato abbandonato nel canalone del Mulino, dove era stato poi trovato. "L'ho detto alla Polizia, ma per loro era

irrilevante" ha concluso l'imputata.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo