giovedì, 22 aprile 2021

Radio Sole News

Vaccini, torna il fine settimana aperto a tutti. Questa volta si parte da giovedì
Apre l'hub di Modica, domani inizia la vaccinazione
Comiso, c'è chi chiede la "zona rossa", ma il sindaco frena
Ritirato dal comune di Comiso l’olio donato dall'ex azienda Foreste Demaniali della Regione Siciliana
Nuova postazione per i test rapidi a Ragusa
Trionfo dell'atleta vittoriese Pirrè-La Terra al giro ciclistico delle Madonie

07 aprile 2021

 

Sono state disposte altre scarcerazioni dal Tribunale collegiale, per il venir meno delle esigenze cautelari, ad alcuni degli imputati arrestati nell'ambito dell'operazione "Plastic Free", coordinata a Vittoria dalla Dda di Catania. Al gruppo venivano imputati, con l'aggravante del metodo mafioso, una serie di reati riconducibili al ciclo della plastica: estorsioni pluriaggravate, illecita concorrenza con minaccia, lesioni aggravate, ricettazione, detenzione e porto di armi da sparo, danneggiamento seguito da incendio e traffico illecito di rifiuti aggravato.

 

In carcere finirono, uniti dall'accusa di associazione mafiosa, personaggi definiti "di alto calibro": Claudio Carbonaro, ex pentito e reo confesso di decine di omicidi, Salvatore D'Agosta, Giuseppe Ingala, Antonino Minardi, Crocifisso detto Lucio Minardi, Emanuele Minardi, Salvatore Minardi e Giovanni Tonghi oltre a Giovanni Donzelli e Raffaele Donzelli.

 

La decisione  del Tribunale riguarda questa volta la scarcerazione di Antonino Minardi, Emanuele Minardi e Giovanni Tonghi; in precedenza erano stati scarcerati Giovanni e Raffaele Donzelli. La Cassazione si pronunciò tempo addietro su Giovanni Donzelli ritenendo "l'inesistenza di gravi indizi di reità in ordine al contestato delitto di associazione a delinquere di stampo mafioso", imputazioni rivolte anche ai Minardi e a Tonghi, la cui posizione quindi è stata ripresa in esame.

 

Nonostante la sussistenza di gravi indizi per altri reati contestati nello stesso processo ai Minardi (si tratta in particolare per entrambi di estorsioni, e per Antonino per detenzione e uso di armi), sulla scorta del pronunciamento della Cassazione, il Tribunale ha scarcerato i due Minardi che venivano indicati come sodali assieme a Tonghi e ai Donzelli del reato associativo. Stesso provvedimento ha riguardato anche Giovanni Tonghi.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo