venerdì, 03 dicembre 2021

Radio Sole News

Vittoria: anche i condannati fra i "furbetti" del reddito di cittadinanza
Vittoria: tromba d’aria a Scoglitti, intervento del Sindaco
  Altre
Maltempo, ancora danni in provincia di Ragusa
Accoltella la moglie, arrestato un 54enne di Belpasso
Giovane sfregiato al volto sabato notte a Vittoria. Indagini in corso
Gela: abusi sessuali su minore in parrocchia, fermato un uomo

16 giugno 2021

 

Parte anche al Comune di Vittoria la residenza fittizia per tutti i soggetti senza fissa dimora, ma che vivono nel comprensorio ipparino. La residenza fittizia, deliberata dalla Commissione straordinaria atto n. 225 del 16 luglio 2019, entra adesso a pieno regime.  Il domicilio è stato ubicato in via della Casa Comunale, ovvero  via Bixio 34.

L’iscrizione all’anagrafe mette a disposizione di extracomunitari, migranti e soggetti senza fissa dimora, la possibilità di accedere a servizi importanti ed essenziali come ad esempio quella  di richiedere determinati documenti come: carta di identità; tessera sanitaria;permesso di soggiorno; fine pena, ovvero la possibilità di avere una residenza per ricevere e trasmettere atti, rinnovare il permesso di soggiorno, godere della titolarità   di un rapporto di lavoro e  la disponibilità di poter prendere casa in affitto.

“La città di Vittoria, ad alta vocazione agricola, vede la presenza massiccia di extracomunitari ma, anche tanti stranieri impiegati nella manodopera serricola. L’istituzione da parte del Comune  della residenza fittizia, rappresenta un nuovo passo in avanti verso l’inclusione sociale, ma anche dei doveri etici e morali con particolare riguardo alle persone in condizioni di emarginazione, di disagio economico, sociale e psicologico. La residenza fittizia rappresenta anche uno strumento valido ed importante per contrastare il fenomeno del caporalato. Il Comune mette a disposizione il proprio indirizzo affinché tutti i lavoratori possano essere reperiti evitando così il lavoro sommerso e di conseguenza lo sfruttamento nei campi e nelle serre, cercando di debellare il fenomeno del caporalato che si insinua nelle maglie del malaffare e dell’illegalità. Grazie alla collaborazione con gli uffici  comunali dei servizi demografici e delle politiche migratorie, che da anni operano nel tessuto sociale cittadino, abbiamo ottenuto questo risultato che arriva all’indomani di una serie di incontri calendarizzati nel tempo con la Federazione del sociale - USB Ragusa (Unione sindacale di base) che avevano posto come una delle priorità l’istituzione della residenza fittizia come segno tangibile alla lotta al caporalato. Un risultato promettente, questo, che produce un duplice obbiettivo: promuovere il legame con il territorio in cui il cittadino vive e lavora e dall’altra parte, l’Ente può avere un aggiornamento costante  della popolazione residente in modo da programmare interventi e servizi rivolti al benessere delle persone”, – ha dichiarato la Commissione straordinaria.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo