giovedì, 29 luglio 2021

Radio Sole News

Comiso: Polizia arresta un albanese che aggredisce agenti e denuncia un comisano per guida in stato di ebbrezza
Scoglitti: accusa un malore mentre è in acqua, muore romeno di 68 anni
Da giovedì ripartiranno i drive-in gratuiti in quasi tutti i comuni della provincia di Ragusa
 
Il caso del neonato Vittorio Fortunato a Ragusa, revocata l'adozione del bimbo
 
Vittoria: cittadini si autotassano per riparare le buche nella Strada Comunale Marangio
Aumento contagi a S. Croce e crescono i ricoveri in tutta la provincia di Ragusa

 

 

 

06 luglio 2021

 

Nella prima serata del 27 giugno scorso, militari della Tenenza di Pozzallo e funzionari dell’Agenzia delle Dogane hanno sottoposto a sequestro circa 2,2 Kg di marijuana destinati alla movida maltese e tratto in arresto un cittadino italiano per traffico di sostanze stupefacenti e psicotrope.

 

In particolare, durante le previste operazioni di imbarco sul catamarano diretto a Malta, i militari ed i doganieri procedevano all’identificazione di un soggetto di origini catanesi, risultato gravato da precedenti specifici per traffico e spaccio di stupefacenti, che, trasportando un trolley ed un borsone visivamente pesante, era in procinto di imbarcarsi. L’ispezione preliminare del borsone rilevava che al suo interno erano contenuti 8 involucri, avvolti da pellicola alimentare e polvere di caffè, contenenti circa 2,2 Kg di sostanza stupefacente del tipo marijuana “Super Skunk". Si tratta di una sostanza considerata tra le più pregiate e richieste sul mercato illecito visto l’alto contenuto di THC (Tetraidrocannabinolo). Secondo quanto accertato dalla Guardia di Finanza lo stesso catanese avrebbe poi  commercializzato la droga al dettaglio, una volta giunto sull’isola dei cavalieri,  con un guadagno di oltre 40.000 euro. Informata la competente Autorità Giudiziaria, la sostanza è stata sottoposta a sequestro probatorio ed il soggetto è stato accompagnato presso la Casa Circondariale di Ragusa in attesa delle determinazioni processuali di rito.

Sempre la Guardia di Finanza, ma nel mese di maggio scorso, aveva individuato e deferito all’A.G. iblea un veterinario che - senza alcun tipo di autorizzazione - era intento all’esportazione di medicinali veterinari contenenti Ketamina e Tiletamina, solitamente impiegati nel doping equino. L'uomo è accusato di detenzione di sostanze psicotrope.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo