sabato, 25 giugno 2022

Radio Sole News

“Sulle ali della libertà”, premio di poesie in memoria di Alessandro Fariello
Bonus Sicilia: contributi a fondo perduto per imprese ricadenti nel territorio del GAL Terra Barocca. Domande dal 20 maggio al 6 giugno
Vigili del Fuoco recuperano capodoglio spiaggiato a Scoglitti
Vittoria, sabato la premiazione di ‘Ti POrto con me’ in memoria di Alessio e Simone D’Antonio
"Volevo vendicarmi della comunità vittoriese", così l'assassino di Bruna
Vittoria, Consiglio Comunale compatto: nuovo indirizzo per le zone blu

30 dicembre 2021

 

Conferenza stampa di fine anno ieri mattina per il sindaco, Lucio Greco, e i suoi assessori a Palazzo di Città. Il Primo Cittadino ha tirato le somme di 12 mesi di impegno e di attività portati avanti nel 2021 e ha anticipato i punti principali della programmazione che si intende seguire nell’anno che sta per arrivare: dai lavori in cantiere e da completare ai problemi più importanti, la cui soluzione richiede tempi non brevi, oltre che il sostegno dei governi di Roma e Palermo.

Il bilancio del Sindaco Greco è partito dalla questione rifiuti, e, grafici alla mano, ha illustrato i dati relativi ai costi del servizio dal 2014 al 2021. Eccoli:

2014 - 5 milioni 700mila euro

2015 - 9 milioni 942mila 931,00 euro

2016 - 9 milioni 984mila 915,00 euro

2017 - 10milioni 965mila 066,00 euro

2018 - 6 milioni 825mila euro

2019 - 5 milioni 949mila euro

Fino ad arrivare al 2020 e al 2021 in cui i costi si sono attestati sui 6 milioni. “Questi sono i dati ufficiali, - ha dichiarato - in merito ai quali va rimarcato come, dal nostro insediamento, siano stati letteralmente azzerati i costi aggiuntivi, che in passato, nel 2016 soprattutto, avevano raggiunto apici impressionanti, fino ad oltre 5 milioni. Di certo, molte cose nel servizio non funzionano ancora come vorremmo, ma mi premeva mostrare questi grafici in nome della verità. Abbiamo lavorato anche per abbattere la TARI, ci siamo riusciti completamente per le attività commerciali e siamo andati incontro ai nuclei familiari con Isee fino a 25mila euro. Permangono molte criticità, ma l’impegno per il futuro è di risolverle, continuando, nel contempo, la guerra che abbiamo dichiarato a quei pochi incivili che ancora si ostinano a non fare la raccolta differenziata e a sporcare la città, che stiamo provvedendo a ripulire e a bonificare. A chi specula e ci attacca dicendo che non abbiamo fatto nulla, voglio ricordare che due gare pubbliche e due procedure negoziate in due anni e mezzo di amministrazione non è da tutti, purtroppo non hanno avuto l’esito che speravamo ma non è una nostra responsabilità. Noi abbiamo fatto tutto quello che, come Ente, era in nostro potere”.

In riferimento alla Municipalizzata Ghelas, Greco ha affermato: “E’ una vicenda che mi preoccupa e mi addolora. L’abbiamo salvata dalla liquidazione, salvaguardando i posti di lavoro e garantendo servizi essenziali alla città, e mi auguro di poter continuare su questa linea. Invito le forze di maggioranza a chiedere un incontro per confrontarci e valutare insieme le migliori soluzioni, nell’ottica del rilancio e del miglioramento di tali servizi. In questo momento, la priorità sono gli interessi della collettività e la razionalizzazione di spese e personale”.

Sul versante politico, il Sindaco si è detto molto deluso per le continue fibrillazioni in seno alla maggioranza, nonostante il recente periodo di verifica finalizzato a trovare la soluzione più giusta per il futuro e la serenità della città. “Questo clima dev’essere superato perché nocivo per gli interessi di Gela, che ha problemi decisamente più gravi da risolvere e richiede comportamenti seri, rigorosi e responsabili. Gela ha grandi potenzialità economiche, industriali e agricole, in cantiere c’è un piano strategico di sviluppo senza precedenti: portualità, CIS, centro d’eccellenza per l’idrogeno, progetto Ciliegino, sono tutti progetti che richiedono l’attenzione massima non solo nostra, ma anche dei governi nazionale e regionale. Per questo, lancio appello a tutte le forze politiche di maggioranza e di opposizione affinché aiutino non me, ma la città, accompagnandola verso un futuro di maggiori opportunità e risorse”.

Infine, riflettori puntati sull’emergenza Covid, con un nuovo appello alla vaccinazione. “Siamo nel pieno della quarta ondata, e serve un fortissimo senso civico da parte di tutti, a tutela di se stessi e degli altri. Escludo nuove zone rosse, perché l’approccio del Governo è cambiato, e voglio assicurare ai cittadini che quotidianamente mi confronto con l’Azienda Sanitaria per valutare ciò che è più giusto fare, per il bene di tutti e anche in vista della riapertura delle scuole dopo la pausa natalizia” ha affermato.

Nell’augurare alla città un sereno e felice 2022, Greco si è anche rivolto al popolo della rete. “Stop alla cattiveria gratuita, alle offese, alle bugie e all’intolleranza. Ben vengano le critiche, se costruttive. Un ringraziamento, invece, - ha concluso - a quella parte della città che non si fa sentire sui social ma che c’è, lavora, è attiva, si impegna con serietà e spirito di abnegazione e aiuta nel sociale. Ecco il mio augurio per il nuovo anno: quello di riscoprirci comunità e remare tutti insieme nell’unica direzione dell’interesse comune”.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo