giovedì, 27 gennaio 2022

Radio Sole News

Vendite all'asta a "prezzo vile", scatta lunedì lo sciopero della fame di Fabrizio Licitra
 
Giorno della Memoria: gli appuntamenti del Comune di Vittoria "per non dimenticare"
Omicidio Licata: uccide quattro familiari, tra cui due nipotini, e poi si suicida
Servizi straordinari di controllo del territorio a Ragusa e Comiso, in campo la Polizia di Stato
Fuoriuscita di gas metano, apprensione a Ragusa. Sul posto i Vigili del Fuoco
"Gestione disumana della Sanità. Varcato ogni limite a Gela", così il Comitato Ospedale V.E. III di Gela

 

05 gennaio 2022

 

In qualunque istante della nostra esistenza il Signore è il fondamento del nostro essere e operare ma possiamo percepire la verità di queste parole in modo particolare nei momenti difficili e bui che ci capita di attraversare in questo mondo.

I tempi che stiamo vivendo sono pieni di problemi e di difficoltà perciò risuonano nel nostro cuore di credenti le parole dell’apostolo Paolo che, sperimentando dolore e contraddizioni nella sua vita chiedeva al Signore di esserne liberato. Il Signore gli disse: «Ti basta la mia grazia; la forza, infatti, si manifesta pienamente nella debolezza» (2Cor. 12,9).

Anche noi dunque nelle sofferenze presenti siamo chiamati nella fede a vivere le difficoltà ma sperimentando la Sua forza che si manifesta a noi impedendoci di crollare. E ogni mattina domandiamo nella preghiera: «…la grazia tua sia sempre con me e con tutti i miei cari. Amen».

Il Signore non ci abbandona mai e ci fa sperimentare il suo aiuto anche grazie ai suoi amici che sono i Santi. «Nella loro vita» dice la liturgia «ci offri un esempio, nell’intercessione un aiuto, nella comunione di grazia un vincolo di amore fraterno. Confortati dalla loro testimonianza, affrontiamo il buon combattimento della fede, per condividere al di là della morte la stessa corona di gloria».

Consapevoli di questo noi, qui a Vittoria, ricorriamo all’intercessione di San Giovanni Battista, che guardiamo come al nostro Patrono speciale che ci aiuta ad affrontare e superare i problemi che sono tanti. I nostri antichi hanno sperimentato nel tremendo terremoto del 1693, pur nella tristezza dell’evento, un segno della protezione del Battista al Quale anche noi oggi ricorriamo, ricordando, quell’avvenimento particolare. Nel prossimo 11 gennaio ricordando il 329° anniversario, chiediamo a San Giovanni Battista di proteggere e difendere la nostra, la Sua Città.

Quest’anno, il 9 di gennaio sarà presentata a tutti la pregevole, artistica vetrata posta sulla facciata della Basilica, che rappresenta la scena del Battesimo del Signore. È un dono che S.E.Rev.ma Mons. Carmelo Ferraro, Arcivescovo emerito di Agrigento e negli anni 1962-1978 Arciprete Parroco della Basilica San Giovanni Battista ha voluto lasciare alla sua amata città di Vittoria, di cui è cittadino onorario, e alla Basilica. Noi con gratitudine accogliamo questo dono che esprime non solo attaccamento sentimentale ma anche il servizio reso alla comunità vittoriese in particolare.

All’inizio dell’anno 2022 ho voluto ricordare tutte queste cose, perché non ci scoraggiamo ma animati da fede, speranza e carità, sappiamo vivere da cristiani il tempo che Dio ci dona, in particolare il presente, nel quale nella Sua Provvidenza ha voluto che vivessimo.

Auguri a tutti, unitamente al ricordo nella preghiera e alla richiesta di aiuto dall’Alto per la Città e tutti i suoi abitanti.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo