giovedì, 27 gennaio 2022

Radio Sole News

Vendite all'asta a "prezzo vile", scatta lunedì lo sciopero della fame di Fabrizio Licitra
 
Giorno della Memoria: gli appuntamenti del Comune di Vittoria "per non dimenticare"
Omicidio Licata: uccide quattro familiari, tra cui due nipotini, e poi si suicida
Servizi straordinari di controllo del territorio a Ragusa e Comiso, in campo la Polizia di Stato
Fuoriuscita di gas metano, apprensione a Ragusa. Sul posto i Vigili del Fuoco
"Gestione disumana della Sanità. Varcato ogni limite a Gela", così il Comitato Ospedale V.E. III di Gela

12 gennaio 2022

 

In merito al comunicato stampa diffuso dall’Associazione dei Concessionari  del Mercato ortofrutticolo di Vittoria con il quale si commenta la decisione del Comune di Vittoria  sulla  Italmercati, il sindaco Francesco Aiello interviene per  fare una precisazione. 
Italmercati distrae il territorio dagli obiettivi che i Comuni di Vittoria, Comiso, Acate e Pozzallo vogliono perseguire assieme alle rappresentanze del mondo agricolo e degli operatori, senza ricatti o imposizioni”- ha puntualizzato il primo cittadino. 
“La proposta della attuale dirigenza dei Commissionari  pone infatti la questione della intangibilità della “Vittoria Mercati” come punto irrinunciabile, mentre  il Comune manifestava invece la disponibilità ad aderire, direttamente o tramite la stessa  “Vittoria Mercati”, all’idea di un partenariato. Proposta respinta dall’Associazione”- ha proseguito Aiello.
“Si tratta di una storia di sistemi collegati ai vecchi gruppi e alle vecchie logiche della “Vittoria Mercati” e al tentativo di imporre alla città e ai fruitori del Mercato scelte di cordata con la pretesa, per giunta, di impedire al Sindaco di cambiare struttura e forma della  società, la “Vittoria Mercati a totale partecipazione del Comune di Vittoria”.  Si tratta di un  vero e proprio condizionamento del Comune e dei suoi Organi amministrativi”- ha rimarcato. Il Sindaco Francesco Aiello ha precisato che “Vittoria seguirà la strada della collaborazione tra i Comuni, in sintonia con gli interessi generali dei territori, per raggiungere l’obiettivo di utilizzare i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, a tutela dei diritti dei territori, degli operatori del mercato e dei produttori, che cammineranno insieme senza mortificare la libertà di nessuno”. 

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo