giovedì, 27 gennaio 2022

Radio Sole News

Vendite all'asta a "prezzo vile", scatta lunedì lo sciopero della fame di Fabrizio Licitra
 
Giorno della Memoria: gli appuntamenti del Comune di Vittoria "per non dimenticare"
Omicidio Licata: uccide quattro familiari, tra cui due nipotini, e poi si suicida
Servizi straordinari di controllo del territorio a Ragusa e Comiso, in campo la Polizia di Stato
Fuoriuscita di gas metano, apprensione a Ragusa. Sul posto i Vigili del Fuoco
"Gestione disumana della Sanità. Varcato ogni limite a Gela", così il Comitato Ospedale V.E. III di Gela

14 gennaio 2022

 

Il presidente della Regione ci ripensa: la giunta non si azzera più, almeno fino all’approvazione dell’esercizio provvisorio. Nello Musumeci ha preso tempo, rinviando  il reset della giunta che aveva annunciato tramite un messaggio sui social. La sua iniziale decisione era stata annunciata dopo la “bocciatura” di fatto, nei suoi confronti, venuta dall’assemblea regionale da parte di almeno 8 deputati della sua stessa maggioranza. Questi, infatti, in occasione della votazione dei delegati siciliani per l’elezione del presidente della Repubblica avevano votato un esponente dell'opposizione.

Musumeci si è reso conto che la frattura con i partiti è profonda e i più fedeli assessori dei partiti alleati hanno fatto presente che difficilmente un nuovo governo risolverebbe il problema. La Lega e Forza Italia hanno fatto trapelare che loro non entrerebbero in un Musumeci bis, a meno che il presidente non si liberi del suo braccio destro, Ruggero Razza, attuale assessore alla Salute, e di Gaetano Armao, Udc, il cui posto è ambito da Forza Italia. 

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo