sabato, 25 giugno 2022

Radio Sole News

“Sulle ali della libertà”, premio di poesie in memoria di Alessandro Fariello
Bonus Sicilia: contributi a fondo perduto per imprese ricadenti nel territorio del GAL Terra Barocca. Domande dal 20 maggio al 6 giugno
Vigili del Fuoco recuperano capodoglio spiaggiato a Scoglitti
Vittoria, sabato la premiazione di ‘Ti POrto con me’ in memoria di Alessio e Simone D’Antonio
"Volevo vendicarmi della comunità vittoriese", così l'assassino di Bruna
Vittoria, Consiglio Comunale compatto: nuovo indirizzo per le zone blu

19 gennaio 2022

 

Semplificato e velocizzato il procedimento amministrativo dell’iscrizione anagrafica per cambio di residenza con il decreto del cosiddetto “Semplifica Italia”.

Nell’interesse dei contribuenti, cittadini singoli o nuclei familiari, sono state stabilite tempistiche e dinamiche ben precise:

-In primo luogo occorre compilare il modulo di dichiarazione del cambio di residenza. Tale documento deve essere comunicato, entro 20 giorni dall’ingresso fisico nella nuova casa, all’Ufficio Anagrafe del comune;

-Eseguiti questi primi passi, l’Ufficio dell’Anagrafe effettuerà, entro 48 ore dalla presentazione della dichiarazione, le iscrizioni anagrafiche. Esse consentono il cambiamento della residenza del richiedente, in tempo reale. Si parla, infatti, di cambio di residenza in tempo reale poiché gli effetti giuridici decorrono già dal giorno della denuncia all’Ufficio dell’Anagrafe.

-Nei 45 giorni successivi alla dichiarazione resa o inviata, l'Ufficiale di Anagrafe provvederà a effettuare l'accertamento dei requisiti previsti per l'iscrizione anagrafica. Qualora, decorso il termine, non vengano comunicati all'interessato gli eventuali requisiti mancanti o gli esiti negativi degli accertamenti svolti, quanto dichiarato si considera conforme alla situazione di fatto (Art. 20 L. 241/90, silenzio-assenso) con effetto dalla data di presentazione dell’istanza. 

Chiaramente l'accertamento negativo comporterà oltre che il rigetto dell’istanza, pure la denuncia alle competenti autorità per le responsabilità penali per dichiarazioni mendaci.

La normativa considerata consente di non ritenere sussistenti arretrati di rilievo nell’ambito del procedimento amministrativo dell’iscrizione anagrafiche per cambio di residenza dal momento che ex lege, il silenzio dell’amministrazione dopo 45 giorni decorrenti dall’istanza, fa consolidare in capo al richiedente il cambio di residenza, il relativo diritto.  

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo