mercoledì, 12 giugno 2024

Radio Sole News

Omicidio Russo a Vittoria, la versione dell'omicida reo-confesso
05 marzo 2024 Nessuna questione di droga o situazioni legati ad ambienti malavitosi. Alla base dell'omicidio consumato martedì sera a Vittoria, in via Colle d'Oro, ci sarebbero solo dissidi personali fra l'omicida e la vittima.  Così Alex V...
Facebook e Instagram in down. Il blocco in Italia, ma non solo
05 marzo 2024 Facebook e Instagram hanno smesso di funzionare dalle ore 16 di oggi. Migliaia di utenti in Italia, e non solo, stanno segnalando problemi di accesso, non riescono ad aprire i social. Quando provano a entrare sul browser e sull'...
Omicidio a Vittoria, in via Colle d'Oro
27 febbraio 2024 Un giovane è stato assassinato a Vittoria nella serata di oggi. Erano circa le 21.30 quando le forze dell'Ordine sono intervenute per un omicidio consumato all'interno di un'abitazione di via Colle d'Oro, nel quartiere Cell...
Damiano Vindigni nominato presidente Regionale del Tavolo Lavoro Giovani di FIAVET
27 febbraio 2024 Il vittoriese Damiano Vindigni, professionista nel settore del turismo e della promozione del territorio, è stato nominato presidente Regionale del Tavolo Lavoro Giovani di FIAVET (Federazione Italiana Associazioni Imprese Via...
Operazione anti-caporalato “Free Work” ad Ispica: arrestati 3 imprenditori ed eseguito sequestro preventivo per 850.000 euro
27 febbraio 2024 Nella mattinata di oggi i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Ragusa e del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Ragusa hanno dato esecuzione ad un’ordinanza emessa dal GIP presso il Tribunale di Ragus...
Vittoria, ripristinata la postazione 118 sulla Vittoria-Scoglitti
21 febbraio 2024 L'ASP di Ragusa rende noto il ripristino della postazione del 118 di Vittoria, denominata "Romeo Mike 6", nello stradale per Scoglitti. I locali, lo ricordiamo, nel gennaio dello scorso anno erano stati interessati da un in...

03 febbraio 2022

 

I due coordinatori del Comitato S.O.S. Vittorio Emanuele III di Gela si sono recati questa mattina alla Procura della repubblica del Tribunale di Gela ed hanno depositato un esposto corredato da 340 fogli per un totale di 2 kg di sottoscrizioni. 

"Adesso tocca alla Procura- dicono- verso cui riponiamo la nostra fiducia, agire e verificare. L’esodo cittadino al gazebo ha confermato che la cittadinanza è cosciente del depauperamento dei servizi sanitari-ospedalieri e, contrariamente a quanto qualcuno sostiene, reagisce positivamente ed in modo massiccio alle iniziative volte ad un miglioramento delle condizioni del Vittorio Emanuele III.  Sorvolando sulle sterili polemiche e futili provocazioni che non raccogliamo- aggiungono- non abbiamo potuto fare a meno di notare il fermento generale che l’iniziativa ha generato. Il che ci rende edotti che siamo sulla buona strada e che dobbiamo continuare a percorrerla, insieme ai nostri concittadini.  Adesso dobbiamo organizzarci per la manifestazione del 19 febbraio, Covid permettendo, perché se da un lato abbiamo la popolazione dalla nostra parte, dall’altro non vediamo veri impegni e soluzioni per la sanità gelese dietro la solita fuffa mediatica inscenata.  A tal proposito e senza tanti fronzoli, ribadiamo che due sono le alternative che siamo disposti ad accogliere: 

- il rispetto del Decreto Assessoriale di riordino ospedaliero del 2019, ovvero 242 posti letto, 17 Unità Operative Complesse, 17 Unità Operative Semplici, 5 Strutture Dipartimentali, i medici, gli infermieri, portantini, ostetrici, tecnici, OSS, OSA, ecc. per i 242 posti letto e 39 U.O.;  

oppure il ritorno all’Azienda Ospedaliera di Gela, staccata da Caltanissetta, con sede amministrativa e legale a Gela". 

 

"Promesse, perdite di tempo, rassicurazioni, programmi parziali, contentini, palliativi e specchi per le allodole- si legge ancora nella nota- a noi ed ai cittadini gelesi non interessano. Siamo stati costretti a scendere nelle strade per fare ciò che abbiamo delegato ad altri, adesso che sono scesi i cittadini in campo, non ci fermeremo a meno che non si rispetti uno dei due punti".

"Il 19 febbraio- concludono- torneremo di nuovo in strada. Lo faremo tante altre volte ancora. Fino a che Gela ed il suo comprensorio non abbiano una struttura ed organizzazione sanitaria adeguata alle esigenze dei gelesi, ora consapevoli di avere un peso, perché hanno preso coscienza della loro forza". 

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo