mercoledì, 01 febbraio 2023

Radio Sole News

Commissione Mercato Ortofrutticolo di Vittoria, concluso l'iter
Il sindaco Francesco Aiello ha concluso l’iter delle procedure per la nomina dei componenti della Commissione del Mercato ortofrutticolo di Vittoria. L’ultima composizione risale al 2016 e secondo quanto disposto dal regolamento, i componenti rim...
Vittoria, FdI: “Via Lavore: semafori non funzionanti e strada dissestata. Un pericolo ignorato dall’amministrazione”
Via Lavore, già teatro di tragici incidenti, rappresenta ancora un oggi un grande pericolo. A denunciarlo sono i consiglieri Monia Cannata e Pippo Scuderi di Fratelli d’Italia che hanno presentato un’interrogazione per chiedere quali interventi s...
Comiso, al via oggi la festa liturgica in onore del Patrono
“Come ogni anno, San Biagio si ripropone a tutti come “festa di memoria” in quanto al nostro santo patrono si riannoda la vita stessa di tutta la comunità cittadina. La memoria custodita e tramandata si fa lode al Signore, “gloria e corona dei ...
Ordigno bellico trovato ad Acate, strada chiusa al traffico
Un ordigno della seconda guerra mondiale è stato ritrovato ieri pomeriggio ad Acate, precisamente sulla Provinciale 87 a circa 150 metri dall’incrocio con la statale 115 nel tratto Vittoria-Gela. La zona è stata chiusa al traffico con un’ordin...
Mercuriale agricola, botta e risposta fra Italia Viva e Amministrazione Comunale
“Finalmente, dopo 24 giorni dalla soppressione della mercuriale, il mondo agricolo ha ricevuto la giustificazione dei motivi da parte del delegato all’Agricoltura del sindaco. A nostro modo di vedere, le ragioni che l’Amministrazione illustr...
Ascoltaci a Gela
In FM 91.5 - 104.5, su WEB, Smartphone o Iphone http://radioplayer.eu/2020/radiosole/, su www.radiosole.eu e con Alexa Info 0932 861846, SMS, WhatsApp e Telegram 331 340 4213

Producevano e vendevano farmaci per dimagrige con sostante stupefacenti

11 febbraio 2022

13 persone sono state rinviate a giudizio nell’ambito dell’operazione denominata "Ghost Drug-Lab". Si tratta di un’operazione condotta dalla Guardia di Finanza di Gela, tra il 2016 e il 2020, sotto la direzione degli inquirenti della locale Procura della Repubblica. I soggetti sono originari delle province di Caltanissetta, Agrigento e Catania ed operavano per lo più sul territorio gelese. I reati contestati risultano, a vario titolo, connessi alla produzione e commercializzazione non autorizzata di capsule dimagranti a base di sostanze classificate come stupefacenti o psicotrope. L'operazione ha permesso di ricostruire l’esistenza di una vera e propria filiera di produzione e distribuzione di capsule dimagranti e medicinali illegali, anche attraverso la determinante collaborazione di due medici dietologi gelesi, i quali, secondo l'ipotesi sostenuta dalla Procura, prescrivevano ai propri pazienti l’assunzione delle capsule nelle terapie a scopo dimagrante. 

Dalle indagini preliminari è emerso che ogni confezione di capsule dimagranti prodotta dagli indagati conteneva 180 capsule a base di "efedrina" (noto precursore utilizzato per la produzione di sostanze stupefacenti). Il paziente/assuntore, per dimagrire, ne assumeva circa 5 al giorno. L'approvvigionamento delle sostanze chimiche necessarie, tra le quali anche il "Sildenafil" (farmaco per la cura delle disfunzioni erettili) e il "Fenadol" (farmaco antinfiammatorio e antireumatico), nonché diverse tipologie di amminoacidi, avveniva ad opera di un farmacista locale, il quale si riforniva presso due distributori (a Palermo e in Provincia di Prato) ed era impegnato, al contempo, anche nella pubblicizzazione e commercializzazione "sotto banco" del prodotto sul territorio. 

La raffinazione delle sostanze avveniva ad opera di un secondo farmacista gelese, non iscritto all’Albo, all’interno di un laboratorio occulto dove, a seguito di perquisizione, sono state rinvenute le attrezzature ed i materiali utilizzati per la preparazione e la sintesi delle sostanze farmacologiche per uso dimagrante, antinfiammatorio, antidolorifico, anabolizzante e per la cura delle disfunzioni erettili.

L'immissione in commercio dei preparati avveniva, secondo gli accertamenti investigativi, anche attraverso un "bar-tabacchi" gelese che era nella diretta disponibilità del farmacista non iscritto all’Albo.  Le capsule erano inoltre vendute attraverso una rete di consegna diretta nelle abitazioni degli acquirenti/assuntori. In altri casi, la commercializzazione avveniva tramite spedizione con corriere espresso, dietro pagamento del relativo corrispettivo attraverso la "ricarica" di una carta postepay. Le indagini, svolte anche mediante accertamenti bancari e fiscali, hanno consentito di quantificare il profitto illecito complessivamente conseguito dagli indagati in 579.000 euro, considerando che una confezione contenente 180 capsule veniva venduta al prezzo di 75 euro. 

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo