sabato, 25 giugno 2022

Radio Sole News

“Sulle ali della libertà”, premio di poesie in memoria di Alessandro Fariello
Bonus Sicilia: contributi a fondo perduto per imprese ricadenti nel territorio del GAL Terra Barocca. Domande dal 20 maggio al 6 giugno
Vigili del Fuoco recuperano capodoglio spiaggiato a Scoglitti
Vittoria, sabato la premiazione di ‘Ti POrto con me’ in memoria di Alessio e Simone D’Antonio
"Volevo vendicarmi della comunità vittoriese", così l'assassino di Bruna
Vittoria, Consiglio Comunale compatto: nuovo indirizzo per le zone blu

 

 

10 marzo 2022

 

Continuano a salire ad una velocità impressionate, circa 10 centesimi al giorno, i prezzi dei carburanti alla pompa. Anche in provincia di Ragusa sono stati toccati i 2,429 al litro per la benzina e addirittura di 2,629 al litro per il diesel, che per la prima volta ha superato di oltre 20 centesimi al litro il costo della benzina. L’annuncio dell’embargo da parte di Stati Uniti e Regno Unito sui prodotti energetici provenienti dalla Russia non promette nulla di buono, e l’Italia è la nazione che ci rimetterà di più, in quanto molto più dipendente in merito alle forniture rispetto agli altri Stati. Tuttavia, in una riflessione personale Giorgio Stracquadanio (responsabile amministrativo della Cna di Vittoria) sottolinea come  nel 2008 un barile di petrolio aveva la stessa quotazione che aveva ieri (ovvero 140 dollari al barile) ma i carburanti, alla pompa, avevano prezzi molto più bassi (una media € 1,50 al litro). E poi, il petrolio grezzo quotato ieri diventerà carburante dopo 3/4 mesi. Per molti consumatori, quindi, è in atto una speculazione sulle spalle delle piccole imprese e dei lavoratori. Tra l’altro oggi il barile è stato quotato a circa 110 dollari, 30 in meno di ieri, ma il prezzo dei carburanti non scende.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo