sabato, 25 giugno 2022

Radio Sole News

“Sulle ali della libertà”, premio di poesie in memoria di Alessandro Fariello
Bonus Sicilia: contributi a fondo perduto per imprese ricadenti nel territorio del GAL Terra Barocca. Domande dal 20 maggio al 6 giugno
Vigili del Fuoco recuperano capodoglio spiaggiato a Scoglitti
Vittoria, sabato la premiazione di ‘Ti POrto con me’ in memoria di Alessio e Simone D’Antonio
"Volevo vendicarmi della comunità vittoriese", così l'assassino di Bruna
Vittoria, Consiglio Comunale compatto: nuovo indirizzo per le zone blu

21 marzo 2022

 

Giovanni Bruno, il marittimo pozzallese che da Kherson - dove era bloccato con la famiglia da 24 giorni - aveva lanciato ripetuti appelli chiedendo aiuto per lasciare la città, è ora al sicuro a Palanca, in Moldavia."Siamo salvi. Ieri sera siamo stati contattati da un giornalista di Radio Rai, Simone Zazzera. Adesso siamo in macchina con lui, si è offerto di accompagnarci". E' Giovanni Bruno a raccontarlo, non senza un pizzico di sollievo, all'AGI.

L'uomo - con la sua famiglia - era arrivato ieri ad Odessa dopo aver deciso di lasciare in automobile e in autonomia la città di Kherson. Il viaggio è stato dificile, da Kerson alla costa, raggiungendo la zona di Mycolaiv fino, appunto, ad Odessa. E' stato il lancio d'agenzia a mettere in moto il giornalista del Giornale Radio Rai. "Ho letto l'AGI che annunciava il suo arrivo ad Odessa e mi sono messo in contatto con Giovanni - afferma il giornalista Rai, Simone Zazzera -. Mi ha detto che non aveva un passaggio fino a Palanca, il punto di confine tra Ucraina e Moldavia più vicino ad Odessa, un'ora di macchina circa. Volevo raccontare questa storia e avrei potuto accompagnarlo. Con Artem, l'autista che mi aiuta qui in Ucraina, siamo andati questa mattina a prendere Giovanni, la moglie e la piccola bimba di 22 mesi. Li abbiamo accompagnati a Palanca".

Un tragitto di circa un'ora e mezza per i rallentamenti dei check point , almeno sei, con controlli superati senza problemi. Non c'è stata fila alla frontiera. Giovanni Bruno aveva comunicato alla Farnesina della sua intenzione di lasciare Kherson e si era messo in contatto con il consolato italiano a Odessa. L'ultimissimo tratto è stato percorso senza Artem perchè cittadino ucraino, non poteva passare il confine per la legge marziale in vigore che non permette agli uomini tra i 18 e i 60 anni di lasciare il paese. Zazzera ha salutato i Bruno oltre il confine ed è tornato indietro con Artem.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo