mercoledì, 25 maggio 2022

Radio Sole News

Morire in solitudine, in ospedale, ai tempi del Covid. Lettera-appello dei parenti di un paziente deceduto
Lauda Europe, gruppo Ryanair, seleziona assistenti di volo a Comiso
11 maggio 2022   Sono state programmate per venerdì 13 e sabato 14 maggio a Comiso due giornate di recruiting per nuovi assistenti di volo che saranno effettuati da Lauda Europe, compagnia del gruppo Ryanair.   Le selezioni sa...
Comiso: finanziato per un milione e duecento mila euro il miglioramento sismico della scuola dell’infanzia “G. Mazzini”
Vittoria, Scuderi: "ci sono anche io fra gli indagati a causa di una multa per divieto di sosta"
Non hanno pagato tasse comunali, 10 consiglieri indagati a Vittoria
Ragusa: anziano si allontana da casa facendo perdere le tracce. Ritrovato dalla Polizia, che lo riaccompagna a casa sano e salvo

07 aprile 2022

 

E’ in terapia intensiva il ragazzo di 14 anni gravemente ferito martedì pomeriggio, insieme al suo amico di 15 anni, nell’esplosione avvenuta a Ispica. Il quattordicenne è ricoverato in prognosi riservata nell’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione dell’ospedale Cannizzaro di Catania. Qui era stato trasferito dopo gli accertamenti eseguiti al Trauma Center e a seguito del complesso intervento chirurgico necessario al trattamento delle lesioni causate dallo scoppio. L’operazione, che ha coinvolto anche oculisti e ortopedici, oltre agli anestesisti, ha visto in particolare intervenire congiuntamente neurochirurghi e chirurghi plastici, con riferimento ai danni riportati alle braccia, al volto e alla testa. “Le condizioni cliniche del minore – dichiara il medico Salvatore Cicero – restano critiche, anche se l’intervento piuttosto complesso è tecnicamente riuscito”.

Il quindicenne, invece, si trova ricoverato al Policlinico, sempre a Catania. Le sue condizioni sono giudicate stabili dai medici a seguito dell’intervento chirurgico al quale è stata sottoposto nelle scorse ore. 

 

L’esplosione, lo ricordiamo, si era verificata nel primo pomeriggio di martedì scorso ad Ispica. I due ragazzini si erano introdotti in un’ex deposito di fuochi d’artificio e, secondo una prima ricostruzione, probabilmente hanno appiccato le fiamme a della polvere esplosiva rimasta sul luogo.

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo