sabato, 25 giugno 2022

Radio Sole News

“Sulle ali della libertà”, premio di poesie in memoria di Alessandro Fariello
Bonus Sicilia: contributi a fondo perduto per imprese ricadenti nel territorio del GAL Terra Barocca. Domande dal 20 maggio al 6 giugno
Vigili del Fuoco recuperano capodoglio spiaggiato a Scoglitti
Vittoria, sabato la premiazione di ‘Ti POrto con me’ in memoria di Alessio e Simone D’Antonio
"Volevo vendicarmi della comunità vittoriese", così l'assassino di Bruna
Vittoria, Consiglio Comunale compatto: nuovo indirizzo per le zone blu

26 maggio 2022

 

I Carabinieri hanno tratto in arresto, nella notte, l’autore dell’efferato omicidio della donna di origini albanesi colpita a morte da numerosi colpi di arma da taglio. L’episodio si era consumato  intorno alle 12:40 di ieri nel centro abitato di Vittoria. La vittima dell’aggressione, infatti, dopo essere stata soccorsa da personale del 118 alle 12:55, era deceduta nel corso del suo trasporto in ambulanza presso l’ospedale “Guzzardi” di Vittoria. I Carabinieri della Compagnia di Vittoria, unitamente ai colleghi del Nucleo Investigativo di Ragusa, hanno da subito avviato le indagini. Alle 17:30 di ieri hanno identificato e condotto in caserma un 28enne vittoriese sospettato dell’omicidio. L’indagato, che subito aveva negato ogni addebito, in un secondo momento ha chiesto di essere interrogato dal magistrato per rendere una piena confessione. Nel corso dell’interrogatorio tenuto dal dott. Francesco Riccio, Sostituto Procuratore che ha assunto il coordinamento delle indagini, l’uomo, assistito dal suo avvocato, ha fornito una ricostruzione completa di quanto compiuto consentendo ai Carabinieri di rinvenire il coltello utilizzato per l’aggressione e la maglietta che indossava al momento dei fatti. Ancora poco chiaro, invece, il movente anche perché, come accertato dai Carabinieri, vittima e omicida non si conoscevano e pertanto il fatto non è da ricondursi a dinamiche tipiche del femminicidio. Alle 22:00 di ieri, l’uomo è stato quindi dichiarato in stato d’arresto e condotto presso la casa circondariale di Ragusa.  

La donna era stata raggiunta alle spalle e colpita improvvisamente mentre stava uscendo di casa. A notare il tutto alcuni automobilisti di passaggio che hanno chiamato i soccorsi. Forse nel tentativo di cercare riparo, Bruna è poi entrata in casa dove si trovava uno dei suoi figli che ha prima sentito le urla della madre e poi l'ha vista mentre rientrava nella loro abitazione, sanguinante. Il marito al momento del delitto si trovava a lavoro. Il figlio è stato poi allontanano dalla scena da una vicina che ha provato, per quanto possibile, a consolarlo. 

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo