giovedì, 22 febbraio 2024

Radio Sole News

Vittoria, ripristinata la postazione 118 sulla Vittoria-Scoglitti
21 febbraio 2024 L'ASP di Ragusa rende noto il ripristino della postazione del 118 di Vittoria, denominata "Romeo Mike 6", nello stradale per Scoglitti. I locali, lo ricordiamo, nel gennaio dello scorso anno erano stati interessati da un in...
Vittoria, arrestato per un omicidio commesso nel 2017
21 febbraio 20201 I Carabinieri della Stazione di Scoglitti hanno arrestato, sabato scorso, un romeno di 28 anni. E' stato arrestato in esecuzione di un ordine per la carcerazione a seguito della condanna a 15 anni di reclusione. E' stato infa...
Frustrate a bimbo di 5 anni, arrestate madre e zia
21 febbraio 2024 Due donne di 23 e 28 anni, nigeriane, sono state arrestate dalla Polizia di Stato- Squadra Mobile di Catania- in quanto gravemente indiziate dei reati di maltrattamenti e lesioni personali pluriaggravate. Le indagini di...
Vittoria: danneggia un balcone e due auto e scappa
16 febbraio 20204 Un camion ha danneggiato questa mattina un balcone di un'abitazione e due auto in sosta in via Ruggero Settimo, all'altezza di via Matteotti. Il conducente ha proseguito la marcia senza fermarsi. Diverse le persone c...
Pirata della strada investe una donna a Vittoria. La signora non è grave
16 febbraio 20204 Un pirata della strada ha investito oggi a Vittoria una donna che stava camminando a piedi. L’incidente è avvenuto in via Cacciatori, all’altezza di via Palestro, poco prima di mezzogiorno. La signora non ha riportato trau...
Gela: 4 arresti, 9 denunce, chiusi 2 bar
I poliziotti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Gela nel corso di servizi straordinari di controllo del territorio disposti dal Questore della Provincia di Caltanissetta Pinuccia Albertina Agnello, la settimana scorsa, hanno tratto in arr...
Secondo il pm della Direzione distrettuale antimafia di Catania, le presunte connivenze tra mafia e politica a Vittoria alle Amministrative del 2016 non riguarderebbero il voto di scambio politico/mafioso, ma una ipotesi diversa: la corruzione elettorale. Questo è emerso durante la requisitoria che il pm Alfio Gabriele Fragalà ha pronunciato prima di sottoporre al collegio giudicante le richieste di condanna. Riqualificando il reato e inutilizzabili, per norma, una parte delle intercettazioni, il pm ha chiesto l’assoluzione dell’ex sindaco di Vittoria Giuseppe Nicosia e di Venerando Lauretta con la formula “per non aver commesso il fatto”, ritenendo invece sostenuti gli elementi di prova nei confronti dell’ex consigliere provinciale Fabio Nicosia, per Giombattista Puccio e Raffaele Di Pietro, per i quali ha chiesto la condanna per corruzione elettorale a 1 anno e 6 mesi di reclusione ciascuno, oltre a 1000 euro di multa. Secondo la pubblica accusa Di Pietro per conto di Fabio Nicosia avrebbe concordato il sostegno di Puccio con la rassicurazione di provvedere allo smaltimento del cartone per il figlio di Puccio stesso e nulla vale ai fini del reato se “l’utilita’ sia stata effettivamente erogata”. E sulla presunta mafiosita di Puccio, seguendo la requisitoria del Pm, si riqualifica il reato. Semplificando, Giombattista Puccio, all’epoca delle indagini, era indicato come figura di vertice di clan mafioso a Vittoria. Puccio però e’ stato recentemente prosciolto in altro procedimento dal reato di associazione mafiosa (anche se ci sono altre condanne, sono risalenti nel tempo), e quindi il pm, venendo meno la sua “qualificazione” di mafioso, ha ritenuto non configurabile il reato del 416 ter ovvero il voto di scambio politico mafioso, e ha riqualificato il reato stesso in ‘corruzione elettorale’. l Pm Fragalà ha chiesto poi la condanna di Nadia Fiorellini per falso ideologico a 2 anni (con attenuanti generiche anche alla luce della condotta processuale) e di Raffaele Di Pietro a due anni e tre mesi. Di Pietro, secondo l’accusa, avrebbe sottoscritto per diverse persone una lista elettorale, le cui firme non sarebbero state apposte dai diretti interessati, mentre la Fiorellini avrebbe validato la lista ponendo l’autentica senza una verifica ad personam. Poi una serie di richieste di assoluzione con la formula “per non aver commesso il fatto” per il reato di corruzione elettorale per Giuseppe Nicosia, Raffaele Giunta e Vincenzo Gallo, e per il reato di falso per Fabio Nicosia e Raffaele Giunta. Un discorso a parte merita la vicenda che riguarda i presunti accordi per la stabilizzazione dei lavoratori della ditta di igiene ambientale inquadrata nella corruzione elettorale. Anche in questo caso le prove utilizzabili non proverebbero lo scambio di promesse tra politici e lavoratori. Va detto che proprio per questa vicenda un altro ex sindaco, Giovanni Moscato, aveva chiesto di essere giudicato con rito abbreviato e venne condannato a 1 anno e 4 mesi. Se le richieste del Pm dovessero essere confermate dal Tribunale collegiale, l’assoluzione richiesta per questo capo di imputazione – per non avere commesso il fatto -, potrebbe avere ripercussioni nel processo di Appello, anche per Moscato

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo