sabato, 04 luglio 2020

Radio Sole News

Caltagirone: iniziativa dell’Amministrazione per immettere nell’economia locale oltre 10 milioni di euro
Anticipazione di liquidità per sostenere la ripartenza post Covid delle imprese
Tornano le zone blu a Vittoria: ecco tutti i dettagli
Vittoria: palestre scolastiche chiuse, danneggiate diverse associazioni sportive
"Mare senza frontiere 2.0: accessibilità a tutti", conferenza di presentazione a Scoglitti
Vittoria, elezioni amministrative. Il centrodestra: "Uniti e compatti nel dialogo e confronto per la città
Covid 19, salgono a 3 i casi in provincia di Ragusa. Positive anche la moglie e la figlia dell'uomo

 

Anche in Sicilia Rifondazione Comunista scenderà in piazza domani, martedì 2 giugno, dalle ore 10:00 alle 12:30. Il presidio si terrà   in via Etnea, entrata villa Bellini. A partecipare anche altre realtà associative e partitiche. "Rifondazione Comunista- spiegano- ci sarà per chiedere che i diritti fondamentali sanciti dalla Costituzione (i diritti alla salute, al lavoro, alla sussistenza, alla difesa dei più deboli, i diritti di uguaglianza, ecc) siano garantiti in questa fase di emergenza sanitaria e sociale. Una fase che si sta risolvendo, purtroppo, in un aumento esponenziale della disoccupazione e delle disuguaglianze sostanziali. Di fronte all’emergenza sanitaria ed alla più grave crisi economica dopo la Seconda guerra mondiale, il governo stanzia risorse insufficienti, in grave ritardo per milioni di persone rimaste senza reddito e vara al contempo misure a pioggia alle grandi imprese miliardarie. La nostra opposizione è di natura assai diversa da quella della destra fascio leghista che sostiene le pretese di Confindustria e si batte per difendere le scuole e la sanità privata, per far pagare meno tasse ai ricchi, per aumentare le spese militari e diminuire le spese sociali. L’esatto contrario di ciò che si deve fare: tassare le grandi ricchezze, colpire la grande evasione fiscale, battersi perché la Bce emetta direttamente le risorse indispensabili perché tutti in Paesi sia superata la grande emergenza economica, sociale ed occupazionale senza aumento di debito pubblico, tagliare le spese militari a beneficio di interventi sociali. Il 2 giugno manifestiamo per i diritti fondamentali, sociali e di libertà, di uguaglianza, contro la legge dei più forti contro i deboli, contro la guerra".

Podcast di Radio Sole

TROVACI SU:

logo profilo facebook  logo pagina facebook    logo gruppo facebook  logo twitter   logo youtube   feed

Sostieni la Radio

Grazie per il vostro contributo